UEL, dalla Champions scendono Sheriff Tiraspol, Zenit e BVB

 

I primi verdetti della Champions League hanno ripercussioni forti sull’UEFA Europa League. La due giorni di Champions League ha detto cose importanti. Anche il mercoledì. La prima, che l’Inter torna agli ottavi della massima competizione europea dopo 9 anni. La seconda, che l’altra squadra milanese, il Milan, è ancora viva e battendo il Liverpool all’ultima giornata (Reds a punteggio pieno e già primi) sarebbe con tutta probabilità alla fase ad eliminazione diretta. Anche l’Atalanta si giocherà tutto all’ultimo atto, a Bergamo col Villarreal, campione in carica di UEL. Al tabellone della fase a eliminazione diretta dell’Europa League non accederà in automatico nessuno: da quest’anno le terze dei gironi di Champions faranno uno spareggio (andata e ritorno) con le seconde classificate dei gruppi di Europa League per guadagnarsi gli ottavi di Europa League. Significa che arrivare secondi in Europa League costituisce un rischio enorme. Infatti, le seconde dei gruppi sfideranno le retrocesse dalla competizione che mette in palio la Coppa dalle Grandi Orecchie. Nel gruppo A, una tra Club Brugge e Lipsia; nel gruppo B una tra Porto, Milan e Atletico Madrid; nel gruppo C il Borussia Dortmund; dal gruppo dell’Inter arriveranno i moldavi dello Sheriff Tiraspol; dal gruppo E una tra Barcellona e Benfica; dal gruppo F una tra Villarreal, Atalanta e Young Boys; dal gruppo G una tra Lille, Salisburgo, Siviglia e Wolfsburg (tutto aperto); dal gruppo H lo Zenit San Pietroburgo. La Lazio, per evitare di pescare una di queste squadre, dovrà cercare di vincere il girone di Europa League. In caso di terzo posto, invece, i capitolini retrocederebbero in Conference League. L’ultima classificata dei gruppi di UEL lascia l’Europa.

Follow LAZIALITA on Social
0