Lazio, a Reina e Morace i premi Scopigno-Pulici. Pepe: “Impossibile essere come Zoff, sono lusingato”

Pepe Reina e Carolina Morace hanno ricevuto il premio Scopigno-Pulici al Salone d’onore del CONI. Per il primo, il riconoscimento è stato quello di miglior portiere della Serie A 2020/2021, mentre la seconda è stata insignita del titolo di migliore allenatrice della serie B femminile della scorsa stagione.

Le parole di Reina – “Stiamo iniziando ora un nuovo percorso. Sarri ci chiede di giocare in modo molto diverso. Ci vuole un po’ di pazienza, anche se nella piazza di Roma non è scontato avere pazienza. Serve fare tutto per bene ed ottenere risultati. Il nostro potenziale è forte e noi porteremo avanti il nostro percorso senza ascoltare o vedere ciò che viene detto su di noi. Impossibile essere come Zoff e sono lusingato di essere ora vicino a lui. I valori dello sport sono fondamentali, mio padre mi ha sempre detto che il calcio è effimero: segnerĂ  parte della vita, ma ce ne sarĂ  un’altra parte. I titoli, le parate, tutto passa. Per questo preferisco essere ricordato come persona di livello e come un buon compagno”.

L’intervento di Carolina Morace – “Il calcio femminile è cresciuto molto grazie alla FIGC. Le squadre professionistiche maschili oggi hanno un settore femminile e questa iniziativa ha segnato una svolta. La pandemia si è fatta sentire sul nostro movimento, c’è stato un rallentamento. Il calcio femminile italiano è sulla buona strada, è in crescita”.  

Tramite i propri canali social, la Lazio ha testimoniato il momento delle due premiazioni:


Visualizza questo post su Instagram

Un post condiviso da S.S. Lazio (@official_sslazio)

Follow LAZIALITA on Social
0