Le PAGELLE di Guido De Angelis – Bayern di un altro pianeta, 1-4 all’Olimpico. Ora voltiamo pagina

 

Al termine di Lazio-Bayern arrivano le pagelle di Guido De Angelis. Ecco voti e giudizi ai calciatori della Lazio.

 

REINA 6¬†– Prende quattro gol, compie due parate importanti (prima del tap-in di San√©, poi nella ripresa), sbaglia pi√Ļ di qualcosa¬†con i piedi a livello tecnico. Le solite parole da senatore a fine gara, √® un leader e sembra¬†giochi con noi da anni. “Il nostro gioco prevede la costruzione dal basso per provare a saltare il pressing avversario e andare tre contro tre o quattro contro quattro, per√≤ a volte qualche rinvio lungo per cambiare l’inerzia ci potrebbe stare”, dice a Sky. Condivido.

PATRIC 4,5 РCommette una grossa ingenuità che spiana la strada per il terzo gol del Bayern, è solo uno di tanti errori di una brutta partita. Sono errori che abbiamo già visto, ma che contro i mostri sacri si pagano a caro prezzo. Non è colpa sua se è costretto a giocare contro i campioni del mondo. Va solo aiutato, non bersagliato.

ACERBI 5 – Prestazione incolore del Leone, che naufraga con tutta la difesa, ballando costantemente. In occasione dell’autogol del 4-0 non mi sento di attribuirgli¬†grandi colpe. Sul terzo gol del Bayern si fa saltare facilmente, ma oggi paga l’atteggiamento scriteriato della squadra in fase difensiva. Ultima mezzora da ala d’attacco, continuo a ritenere inspiegabile spostarlo dal centro della retroguardia.

MUSACCHIO 4,5 – Commette un clamoroso errore in retropassaggio che provoca l’1-0, da uno con la sua esperienza non me lo aspetto. Chiude in ritardo anche sul gol del raddoppio ed esce a met√† primo tempo. Spero si riprenda presto a livello mentale e che possa da subito tornare a darci una mano. Avevamo detto in tutti i modi che la difesa fosse il reparto pi√Ļ a rischio, ma questo ragazzo va soltanto sostenuto.

LULIC 5¬†– Entra in campo a sorpresa in una situazione molto complessa, ripiega sulla linea di fondo e spazza per vie centrali rischiando tantissimo. Sbaglia sempre l’ultima scelta, e quando nella ripresa avrebbe 4 compagni in area di rigore da servire fa un tiro sbilenco alle stelle. Era comunque il meritato esordio Champions per Senad.

HOEDT 4,5 – Entra in campo e non causa gol del Bayern Monaco, ma solamente per un puro caso: per quattro volte sbaglia da ultimo uomo un passaggio a dieci metri in impostazione; per due volte spedisce la sfera in fallo laterale nel tentativo di apertura. Non √® calciatore da questi livelli, √® evidente che sia nettamente inadeguato. Questa difesa era impresentabile, √® un peccato perch√® la Lazio dalla cintola in su √® un’ottima squadra, ma paga a caro prezzo¬†le ultime sessioni di mercato.

MARUSIC 6,5 – E’ nato esterno di destra, ha fatto il quinto di sinistra, quest’oggi fa persino il difensore centrale (e verr√† riproposto in questo ruolo). Forse il migliore in campo dei nostri per il lavoro che fa, lo spirito di sacrificio, l’applicazione in ruoli che non sono i suoi. A livello fisico √® tra i pi√Ļ in palla. Nelle idee originarie avrebbe dovuto essere l’alter-ego di Lazzari, di fatto nel suo ruolo non ha giocato quasi mai. Questo dice abbastanza sugli errori di programmazione che sono stati commessi.

MILINKOVIC 5,5 – Qualche chiusura importante e un rigore guadagnato che non viene concesso nel primo tempo dall’arbitro. Quarantacinque¬†discreti minuti di gioco, ma nell’ambito di un canovaccio tattico a tratti sprovveduto. Cala nella ripresa; invece di calciare di collo cerca l’angolino e spara la sfera in curva, poco prima di uscire dal campo. Uno dei pochi comunque a vincere i duelli e a conquistarsi un rigore che sarebbe stato sacrosanto, ma che a mio modo di vedere avrebbe inciso pochissimo sul match.

LEIVA 5 – Aveva troppo campo da coprire, la squadra ha fatto ci√≤ che poteva ma non lo ha aiutato, siamo stati presi in mezzo in continuazione e non abbiamo coperto bene il campo. Il compito del brasiliano √® stato maledettamente complicato¬†in una serata storta. Nell’occasione del gol di San√© combina la frittata con Patric. Esce nella ripresa, sostituito da Escalante.

ESCALANTE 6 РEntra bene in campo, rendendosi autore di due o tre recuperi essenziali, spendendo poi con intelligenza un giallo che interrompe un tre contro due che avrebbe potuto costare il 5-1. Uno o due appoggi errati nel finale, ma anche buona tecnica e diversi ottimi recuperi; il tutto Рva detto Рa risultato già compromesso. Sarà comunque squalificato a Bologna.

CATALDI NG

AKPA AKPRO NG –¬†Tecnicamente sbaglia tanto in pochissimi minuti, contro una squadra che non sbaglia neanche uno stop. A questi livelli, √® lampante che serviva un altro centrocampista di qualit√† per far rifiatare Luis Alberto e Milinkovic.

LUIS ALBERTO 5,5 РContro un pressing così asfissiante e un avversario così forte fa fatica. Imbecca le punte come può, nella prima frazione avrebbe anche una buona occasione ma passa il pallone a Neuer. Esce contrariato, al termine di una partita faticosa. Sentiva molto la partita, nel primo tempo si arrabbia col direttore di gara e viene ammonito. Speriamo torni a trascinarci dalla prossima sfida. Di certo a questi livello quando non hai grossa esperienza europea (e non può essere di certo un difetto) puoi pagare il palcoscenico.

LAZZARI 6¬†– Spesso troppo alto, in fase difensiva fa una fatica tremenda. Si toglie lo sfizio di superare per tre volte in velocit√† un calciatore strepitoso come Davies, quando va al cross purtroppo continua a sbagliare l’ultima scelta. Comunque tra gli unici calciatori ad aver impensierito i rivali.

CORREA 6 – E’ l’unico calciatore della nostra rosa a poter saltare l’uomo, forse il nostro giocatore pi√Ļ internazionale. Nel primo tempo per due volte salta secco il diretto avversario, ma √® un po’ fumoso. Nella ripresa trova un gol di pregevole fattura e chiama Neuer all’unica parata importante della serata.

IMMOBILE 5 РSono tre partite che Ciro è in visibile difficoltà, è talmente generoso che non si risparmia mai, sta vivendo un piccolo momento di appannamento. Si era visto poco con Inter e Sampdoria, questa sera la squadra lo supporta pochissimo. Nella ripresa ha una buona chance ma il suo tiro viene murato da Jerome Boateng.

SIMONE INZAGHI 5 – Non pu√≤ far nulla sugli errori individuali di qualche interprete, ma il Bayern Monaco ci ha dato una lezione sonora, dimostrando di essere di altra categoria,¬†e per fortuna ha abbassato i ritmi nella ripresa dopo il gol del 4-0. Il rischio di un’imbarcata era concreto e al 48′ ha fatto tremare molti di noi, per alcuni tratti siamo stati in disarmo. I campioni di tutto hanno giocato sul velluto, noi abbiamo approcciato con grande paura e¬†coperto male il campo, lasciando ai nostri rivali praterie. Ci servir√† da lezione, nella speranza di fare una figura migliore a Monaco. Non serviva questa gara per testare le nostre palesi fragilit√† nel difendere, ma mi auguro arrivino in estate due difensori forti.

 

 

 

 

Follow LAZIALITA on Social
0