Andre Anderson: “Non credevo possibile il sogno Lazio. Speriamo di riprendere presto!”

 

Alla Gazeta Sportiva Andre Anderson, centrocampista biancocelesti, ha rilasciato un’intervista in cui ha parlato dell’ambientamento nella Capitale e del virus che ha fermato il campionato.

La quarantena è stato un momento importante per stare con la mia famiglia qui in Italia. Quando giochiamo durante la stagione abbiamo poco tempo per stare con loro. Tutti noi ci siamo allenati a casa. Certo, non c’è la stessa intensità che puoi avere nei soliti allenamenti al campo, ma abbiamo cercato il modo migliore per mantenere al top le nostre condizioni fisiche e mentali. Speriamo di riprendere gli allenamenti, tutti insieme, molto presto. L’arrivo a Roma? Ho cercato di prepararmi al meglio quando mi ha chiamato la Lazio. Parlavo tra me e me e dicevo: ‘Mio dio, non credo che questo sogno sia diventato realtà’. Senza dubbio me lo ricorderò per tutta la vita. Abbiamo i migliori giocatori in squadra. Lavoro duramente per conquistarmi il mio spazio. Se continuo così, dirò la mia. Alla Salernitana è stato un periodo importante, ho imparato il più possibile, è stato un momento spartiacque per André ragazzo e André professionista. È stato l’anno più costruttivo della mia vita. In biancoceleste sono molto amico di Lucas Leiva, Luiz Felipe e Bastos. La Nazionale? Non so ancora se sceglierò l’Italia o il Brasile, in generale non mi piace parlare del futuro, in questo momento penso solo alla Lazio. Qui devo trovare il mio posto e poi scegliere”.

Follow LAZIALITA on Social
0