Immobile: “Mi alleno con le mie figlie sulle spalle, un po’ di PlayStation non fa male. Legato al gol di San Siro, un plauso ai medici!”

 

di Niccolò Faccini

E’ una trasmissione particolare “TikiTaka” andata in onda ieri sera negli studi Mediaset, con Pierluigi Pardo che ha voluto coinvolgere da casa diversi personaggi del mondo del calcio che hanno voluto essere collegati in primis per fare l’ennesimo sacrosanto appello sulla scia dell’hashtag “io resto a casa” e poi per stemperare la tensione da Coronavirus ritornando a parlare di tematiche pi√Ļ frivole e meno serie quali il calcio. L’attaccante della Lazio Ciro Immobile non ha nascosto quello che costituisce il suo piccolo “vizio” da tempo immemore, ci√≤ che sta permettendo al suo tempo di passare pi√Ļ velocemente. Non c’√® quarantena che tenga, la PlayStation √® d’obbligo a casa del bomber di Torre Annunziata.

“Inutile negarlo Pier, gioco molto a FIFA, molto a COD, un po’ di playstation in generale non fa male, in questi giorni il tempo √® tanto”.¬†Numerosi i video postati su Instagram in cui il numero 17 si immortala in compagnia di moglie e figli, e tra una ricetta e l’altra c’√® tempo anche per sudare un po’. “Gli allenamenti? Ho un piccolo spazio davanti casa, ho qualche peso, ma devo dire che soprattutto faccio anche qualche squat con le bimbe sulle spalle”.¬†Risata inevitabile, soprattutto la piccola Giorgia √® scatenata col pap√†, le due figlie dell’attaccante trascorrono gran parte della giornata a coccolare il loro nuovo fratellino. Ma Immobile ha tempo anche per tornare indietro coi ricordi nel passato recente. “Il mio gol pi√Ļ bello di quest’annata calcistica? A me piace tanto quello di Milano contro il Milan, su assist di Lazzari. Oltre al fatto che √® stato il centesimo con la Lazio, mi¬†√® piaciuto il movimento, il colpo di testa, che non √® il mio forte. Anche quello in casa contro la SPAL¬†col pallonetto su Berisha √® stato molto bello”.

Di segreti del mestiere da svelare ce ne sarebbero diversi, ma Ciro √® convinto: “Secondo me l’attaccante riesce a migliorare con il passare del tempo,¬†con gli anni ti completi. Il fatto che la nostra squadra giochi un calcio offensivo mi √® servito¬†tanto. Quando fai tanti gol, ti senti in fiducia e non ti vuoi mai fermare”. Dopo aver agganciato quota 30 in stagione, il bomber punta alla Scarpa d’Oro, che si giocher√† con gente del calibro di Messi, Haaland, Werner e Lewandowski, non di certo gli ultimi arrivati. L’attaccante polacco del Bayern si era infortunato per un mese, ma torner√† a disposizione per la ripresa dei campionati, che probabilmente verranno recuperati tra maggio e giugno, virus permettendo. A slittare saranno quindi gli Europei. Inevitabile una parentesi dunque sugli Azzurri. “Sappiamo che verranno spostati probabilmente al 2021, Mancini dice che avremmo vinto quest’anno e vinceremo il prossimo e non sono dichiarazioni di facciata, √® vero, il mister lo ha sempre pensato, crede molto in noi. In questo momento per√≤ si pensa poco al calcio”. E quindi in conclusione ecco il messaggio pi√Ļ importante. “Vorrei mandare anche io un abbraccio ai medici e agli infermieri che in questo momento stano lavorando per l’Italia”.¬†Eroi veri, altro che un rettangolo verde.

N.F.

Follow LAZIALITA on Social
0