“QUELLI CHE…” De Angelis insieme a Bruno Giordano e Giancarlo Oddi

La settimana che accompagner√† la Lazio alla sfida di Supercoppa sta scaldando gli animi di tutti gli addetti ai lavori. La trasmissione “Quelli che hanno portato il calcio a Roma“, condotta da Guido De Angelis, si trasforma nel consueto salotto. In studio insieme al conduttore romano anche Giancarlo Oddi e Bruno Giordano. Gli ex laziali hanno parlato a¬†tutto tondo della situazione in casa biancoceleste e non solo:

Inizialmente¬†De Angelis ha chiesto ai suoi ospiti: “Cosa ne pensate della scelta di Ancelotti e della sua scelta di andare all’Everton e quanto incider√† sulla Supercoppa il fatto che la Juventus gioca questa sera?”

Dando uno sguardo generale, stasera c’√® Juventus-Sampdoria, i blucerchiati vengono dal derby vinto contro il Genoa. Ancelotti? Curioso che sia andato all’Everton. Forse sta cercando di spianare la strada al figlio Davide. Sulla Supercoppa? La Juventus avr√† il tempo di recuperare. Sono una squadra ricca di campioni e sono abituati ad avere pochi giorni da una partita all’altra. Metteranno in mostra qualche giocatore. Alcune dichiarazioni di Sarri sono state scomode. Rischia di trasmettere insicurezze dicendo di avere pochi giorni per preparare la partita“. Questa √® considerazione di Bruno Giordano

Giancarlo Oddi ha replicato, rispondendo anche ad una battuta sulla Lazio del 74 fatta da Guido De Angelis: “Non credo che cambi molto. Sarri si √® lamentato dei pochi giorni a disposizione.¬†Troppo spesso i calciatori della Juventus hanno voce in capitolo. Dovrebbe comandare l’allenatore. Giorgio Chinaglia diceva che Re Cecconi non doveva giocare? E Maestrelli lo faceva giocare uguale“.

Sul lavoro svolto da Inzaghi finora:

Sono d’accordo con Bruno. Dipende tutto dalla testa. In quel famoso primo tempo dopo l’Atalanta √® cambiato davvero qualcosa. Alcuni atteggiamenti ti portano a rimontare. Dopo quella partita sono arrivati risultati sorprendenti. Fino a poco tempo fa partite come le ultime le perdevamo, ora invece siamo in gara fino alla fine. Qualcosa nella testa dei ragazzi dev’essere scattata per forza. La Lazio ha rischiato in diverse occasioni. Nel calcio esistono periodi. Gli allenatori sono capaci a lavorare sulla testa dei loro calciatori“. Giancarlo Oddi

Inzaghi ha lavorato molto sulla testa dei giocatori. Poi non √® che ti po’ andare sempre bene. Con questa convinzione le partite possono essere chiuse anche prima. Stanno sfruttando bene questa situazione, al momento c’√® anche un pizzico di fortuna. Ma non sempre succeder√† che vinceremo al 94′. L’importante √® che sia cambiata la mentalit√†. Una squadra diversa si sarebbe accontenta. Invece hanno spinto cercando e trovando anche il secondo goal. Se siamo pi√Ļ forti dobbiamo chiuderle prima le partite.”. Bruno Giordano

Sulla prestazione fisica gli opinionisti hanno così risposto:

Adesso alla Lazio le cose vanno bene, nella testa di tutti c’√® il pensiero che il goal¬†pu√≤ arrivare. Questo periodo √® buono, in passato le cose sono andate diversamente. La preparazione estiva la migliore fatta? Fino a qualche mese fa la squadra sembrava stanca. Il Cagliari a centrocampo ha densit√†, hanno cercato di spezzare il nostro gioco aggredendo gli uomini migliori della Lazio. Ci hanno provato per tutta la gara ma al termine le energie gli sono mancate“.¬†Giancarlo Oddi.

Se il Cagliari gioca a ritmi elevati, come il primo tempo, √® normale che arriva alla fine stanca. Al contrario la Lazio si √® risparmiata nel primo tempo per premere sull’acceleratore nel secondo. Maran ha tolto Nainggolan facendo un favore ai biancocelesti“.¬†Bruno Giordano.

Su Ciro Immobile:

Di solito √® l’imbucata a fare grande Immobile. Contro il Cagliari i palloni serviti dentro l’area sono arrivati dai cross. Le caratteristiche di Ciro prevedono che l’attaccante si esalti di pi√Ļ negli spazi stretti. Ci pu√≤ stare non segnare tutte le partita”. Giancarlo Oddi.

Al giro di boa della trasmissione, Guido De Angelis si √® soffermato sullo speciale dei 75 anni di Gigi Riva realizzato da alcune emittenti televisive. Il pensiero del conduttore √® stato che sarebbe bello un ricordo del genere anche per Giorgio Chinaglia. I due calciatori sono stati il simbolo delle loro rispettive compagini. Detto ci√≤, Guido ha chiesto un parere sulla prestazione di Ciro Immobile“. Bruno Giordano.

Tempo di Supercoppa:

Quando c’√® un trofeo in ballo devi dare il 200 percento. A differenza del campionato, che se perdi puoi recuperare, l√¨ non c’√® grande margine di errore.¬†Stiamo parlando della Juventus, la potenza del campionato italia. Ogni risultato √® possibile. A volte vince la squadra meno in forma. Cos√¨ come capita nei derby. Non credo giocheranno con il tridente pesante, servirebbe Chiellini per supportare un attacco cos√¨“. Giacarlo Oddi.

Molto dipende da un giocatore. Se la Juventus giocher√† con il tridente Ronaldo, Higuain Dybala, mi aspetto un atteggiamento dei centrocampisti meno offensivo. Questo potrebbe ricadere sul modo di giocare dei bianconeri. Il tridente juventino potrebbe essere un problema per la Lazio. Mi auguro che uno dei tre in attacco possa non giocare. In modo che possa cambiare l’atteggiamento tattico da parte della Lazio“. Bruno Giordano.

L’aspetto difensivo della Lazio

Non √® cambiato molto. In difesa in ogni partita la Lazio offre molto. Il modo di giocare dei biancoceleste prevede che si conceda molto nel complesso. Dalla prima partita i biancocelesti tendono a concedere molto. Strakosha ha salvato il risultato ogni tanto”. Giordano.

Il problema grosso √® che quando Strakosha commetta un errore lo si evidenzia. Bello che Immobile abbia sottolineato il suo buon lavoro”. Oddi.

Un pensiero finale su Mario Frustalupi

Da difensore recuperavo palla e la servivo a Frustalupi. La davo a lui e mi sentivo sicuro. Era il Pirlo della sua generazione, per intenderci. Spesso domandava al mister se era destro o sinistro. Era capace di grandi cose, anche su calcio di punizione. Ha fatto la fortuna di tutte le squadre in cui ha giocato”. Oddi.

Io ricordo un Lazio-Cesena in amichevole, Corsini mi disse di tenere d’occhio Frustalupi. Non mi fece toccare un pallone grazie alla sua intelligenza tattica. Era un fenomeno, fece anche la finale di Coppa dei Campioni“. Giordano.

 

 

Follow LAZIALITA on Social
0