UN OCCHIO AL CAMPIONATO – Inter e Juve inarrestabili, Lazio e Cagliari in zona Champions. Cade la Roma, precipita il Napoli

 

di G. Jacopo Romagnoli

Juventus-Milan ha chiuso la dodicesima giornata di questa esaltante Serie A. Cambia totalmente la classifica nelle parti alte. Lazio e Cagliari si prendono in coabitazione il terzo posto, scendono Roma e Atalanta fermate rispettivamente da Parma e Sampdoria. Continua la crisi del Napoli, in questo momento addirittura fuori dall’Europa League. Naturalmente il campionato √® solo agli inizi, perci√≤ il tempo per migliorare c’√® ma alcune squadre sono gi√† al bivio, ulteriori passi falsi potrebbero distruggere un’intera stagione. Nelle parti basse della Serie A, le squadre non si sono fatte male tra loro. Spal, Sampdoria e Udinese sono tornate a casa con un prezioso punticino, anche se gli estensi possono rimpiangere il rigore sbagliato da Petagna nei minuti finali di partita. Molto male la prima di Grosso sulla panchina del Brescia, sconfitta pesante che fa rifiatare anche la traballante situazione di Mazzarri. Coglie un importante vittoria il Sassuolo, nel derby emiliano con il Bologna. Andiamo ad analizzare al meglio quanto successo in questa scoppiettante giornata di campionato.

TESTA A TESTA TRA JUVE E INTERContinuano a non perdere colpi Inter e Juve, la lotta scudetto sembra solamente affar loro. I nerazzurri vincono in rimonta contro un ottimo Verona. I veneti erano passati in vantaggio grazie ad un rigore segnato da Verre. Ma l’Inter di Conte non conosce la parola arrendersi e nella ripresa si riversa con vigore verso l’area di rigore avversaria. Il risultato finale premia il tecnico salentino, i gol sono firmati da Vecino e poi da una rete da cineteca da parte di Barella. La Juventus risponde all’Inter sconfiggendo nel posticipo il Milan di Pioli, alla terza sconfitta nella sua gestione, seppur affrontando gare molto dure. I rossoneri giocano bene, probabilmente meglio dei ragazzi di Sarri, ma faticano a trovare la via del gol, solo 11, per dire Immobile ne ha realizzati 14. Szczesny salva in pi√Ļ di una circostanza il risultato, la partita la decide Dybala, subentrato ad un deludente ed arrabbiato Cristiano Ronaldo, al minuto numero 77. Con questo successo la Juve ritrova il primato in classifica. Dopo 12 giornate sono 10 vittorie e 2 pareggi, non male per l’appena arrivato Sarri,¬†ora manca solo ritrovare la prestazione, finora i bianconeri non hanno del tutto convinto sotto quel punto di vista.

barella nicolo

SORPRESA IN ZONA CHAMPIONS – La vera sorpresa di questo campionato continua ad esserlo il Cagliari, i sardi raccolgono l’ennesima vittoria travolgendo la Fiorentina e guadagnando la terza piazza insieme alla Lazio. I rossoblu non perdono dalla seconda giornata, ma soprattutto oltre a vincere, convincono con un gioco fatto di forza e velocit√†. La Fiorentina √® stata letteralmente travolta anche sotto il profilo dell’intensit√†, √® sembrata non poter reggere i ritmi forsennati¬†imposti dai¬†ragazzi di Maran. La partita ha preso subito la piega giusta per il Cagliari, grazie al gol di Rog servito straordinariamente da Nainggolan, non sar√† il suo unico assist di giornata. Il 2-0 arriva poco dopo sugli sviluppi di un calcio d’angolo ben battuto da Joao Pedro, la rete √® di Pisacane. Il 3-0 con cui si conclude la prima frazione di gioco lo firma Simeone di tacco, altro assist del Ninja. Nella ripresa le cose non cambiano e il centrocampista belga manda ancora una volta in porta joao Pedro per il 4-0. Il quinto √® proprio di Nainggolan, un meritato premio dopo una prestazione da campione. Vlahovic, con una doppietta, primi gol in Serie A, rende meno amara la sconfitta. Vittoria importantissima anche per la Lazio, che si impone 4-2 su un bel Lecce. I biancocelesti come al solito creano tantissimo e sprecano di pi√Ļ, ma i giallorossi non resteranno a guardare. Correa firma il primo gol di questa partita, che verr√† pareggiato poco dopo da un Lapadula in grande spolvero. Nella ripresa la partita si accende definitivamente, fa quasi tutto Milinkovic Savic, prima realizza il 2-1, poi commette fallo da rigore (anche se molto dubbio), lo calcia Babacar che si fa ipnotizzare da Strakosha, ma sulla respinta va in gol Lapadula. Il Var annulla il gol in quanto l’attaccante era entrato in area prima del tiro, scatenando l’ira dei pugliesi. A questo punta la Lazio allunga sul 3-1 con Immobile dagli undici metri, rigore guadagnato neanche a dirlo da Savic. Il quarto gol √® di Correa (doppietta), mentre La Mantia fissa il risultato sul 4-2.

Il gol di Joaquin Correa del 4-1 Campionato di Serie A incontro Lazio v Lecce allo stadio Olimpico di Roma. Roma, 10-11-2019 © Marco Rosi / Fotonotizia

LE ALTREPerdono la zona Champions Atalanta e Roma, gli orobici non vanno oltre lo 0-0 sul campo della Sampdoria, i bergamaschi erano anche rimasti in 10 a causa dell’espulsione di Malinovskyi, ma Gasperini si infuria (giustamente) per la mancata espulsione di Ferrari, reo di aver fermato fallosamente Barrow da ultimo uomo e chiara occasione da gol. Cade inaspettatamente la Roma di Fonseca. I giallorossi, colpiti dalla stanchezza, giocano una partita sotto ritmo e vengono beffati nella ripresa dai gol di Sprocati (ex Lazio) e Cornelius, al quinto gol in campionato. Precipita il Napoli, in questo momento fuori anche dalla zona Europa League, i partenopei non vanno oltre lo 0-0 casalingo con il Genoa, fornendo una prestazione molto negativa e uscendo dal San Paolo tra i fischi. Vince nettamente il derby emiliano il Sassuolo, che batte 3-1 un brutto Bologna. Caputo √® il protagonista di questo match realizza due gol, il secondo √® una perla, la vittoria √® impreziosita dal bellissimo gol di Boga, per il Bologna in rete Orsolini. Impattano sullo 0-0 anche Udinese e Spal, ma gli estensi possono e devono rimpiangere il rigore sbagliato nel recupero da Petagna. Torna a sorridere il Torino, che distrugge il nuovo Brescia di Grosso. Segnano due gol Belotti (entrambi su rigore) e due gol di Berenguer.

Parma's Mattia Sprocati jubilates with his teammates after scoring the goal during the Italian Serie A soccer match Parma Calcio vs AS Roma at Ennio Tardini stadium in Parma, Italy, 10 November 2019. ANSA / SERENA CAMPANINI

TOP & FLOP – Partita straordinaria per qualit√† ed intensit√† quella di Nainggolan, il centrocampista belga domina completamente la partita servendo tre assist ai suoi compagni e realizzando un gol straordinario dalla distanza. Dopo una non positiva stagione all’Inter, il centrocampista cagliaritano si sta piano piano ritrovando. Positivo anche il momento di Correa, ancora una volta in gol,anzi questa volta esagera realizzandone due, mandando il Lecce ko. E’ anche la giornata di Caputo, anche per lui doppietta e tre punti fondamentali per il suo Sassuolo contro il Bologna. Da menzionare anche Strakosha e Musso, che parano due rigori fondamentali a Babacar e Petagna, risultando decisivi per i loro club di appartenenza.

2714161-56105259-640-360211126876-943b41bf-be51-438f-b373-259408a6aa86

Momento particolarmente negativo per la Spal, se anche il suo trascinatore Petagna inizia a sbagliare, per gli estensi inizia a farsi dura. Tra i flop non ci finisce tanto per la prestazione, ma quanto per l’importanza che quel rigore poteva avere per la sua squadra. Una volta ogni tanto pu√≤ capitare che anche un mostro sacro come Ronaldo possa finire in questa speciale categoria, infatti il campione portoghese, acciaccato da circa un mese e autore di una prova poco convincente con il Milan. Ma il problema non sta tanto nella negativa prestazione, ma ci√≤ che sbaglia √® l’atteggiamento, ovvero andandosene prima negli spogliatoi e poi addirittura lasciando lo stadio prima che il match finisca, almeno stando a quanto riporta Sky. Infine non poteva non esserci tutto il Napoli, squadra allo sbando con atteggiamenti poco professionali. Che De Laurentiis non sia un presidente facile √® cosa nota ma che i giocatori decidano di non presentarsi ad un ritiro √® una cosa profondamente sbagliata e poco professionale. Se ne √® accorto anche il pubblico che ha fatto capire piuttosto chiaramente da che parte sta, subissando di fischi i propri, oramai, ex idoli.

J.R.

Follow LAZIALITA on Social
0