FORMELLO – Acerbi a sinistra, Vavro perno centrale. Forfait del Mago, restyling sulle fasce. E Ciro pu√≤ rifiatare…

 

di Niccolò Faccini

La Lazio si appresta a scendere in campo a Glasgow per la delicatissima sfida contro il Celtic di Neil Lennon. Il tecnico Simone Inzaghi ha pochi dubbi di formazione ed ha sciolto il rebus relativo al portiere Thomas Strakosha, che oggi ha partecipato all’intero allenamento e si candida per una maglia da titolare in Scozia. Il polso destro continua invece a tormentare Silvio Proto, che con tutta probabilit√† non partir√† con la squadra: ecco spiegato il motivo per cui in caso di forfait last-minute dell’estremo difensore albanese tra i pali il prescelto sar√† Guerrieri, una sola presenza tra i grandi in Serie A contro il Bologna alla fine dello scorso campionato nel 3-3 casalingo contro la banda capitanata da Sinisa Mihajlovic. La retroguardia dei romani sar√† quella “formato Europa” gi√† vista con Cluj e Rennes, con una importante novit√† gi√† andata in scena contro il Rennes tra le mura amiche nella seconda frazione, vale a dire un cambio di posizione tra Acerbi e Vavro. L’ex Copenhagen non verr√† impiegato da centrale di destra ma al centro della difesa a tre, con Acerbi spostato sulla sinistra e Bastos che andr√† a destra a ricoprire la casella solitamente spettante a Luiz Felipe Ramos. Il nuovo innesto slovacco contro i bretoni alla seconda giornata del Gruppo E non ha convinto da terzo di destra e cos√¨ verr√† impiegato da perno centrale al fine di poter sfruttare la sua imponente fisicit√†. Il rischio √® nel gap di velocit√† con Odsonne Edouard, talento cristallino del Celtic e del calcio francese, che in stagione ha gi√† raggiunto quota dieci reti e che per stessa ammissione del tecnico Lennon appare in forma strepitosa. Pronto comunque a subentrare dalla panchina Luiz Felipe Ramos, che sar√† nella lista dei sette che assisteranno alla sfida del Celtic Park al fianco dell’allenatore piacentino della prima squadra della Capitale. Gli accorgimenti tattici inerenti alla linea difensiva non rappresentano l’unica novit√† studiata dallo staff biancoceleste. Le prove della seduta di allenamento della vigilia forniscono infatti importanti indicazioni anche relativamente ai quinti, che viaggeranno sulle corsie laterali col compito di frenare le sgroppate dei padroni di casa e specialmente del velocista Bolingoli Mbombo, scuola CSKA Mosca, e dello spauracchio Forrest. Manuel Lazzari riprender√† finalmente il posto sulla destra, dopo la pessima prova di Marusic con l’Atalanta. L’ex SPAL ha risolto i problemi che lo avevano costretto all’indisponibilit√† al fotofinish nel riscaldamento della partita di sabato scorso e ha battuto la concorrenza di Patric, che si accomoder√† in panchina. Torner√† titolare, cos√¨ come Jony Rodriguez, che dovrebbe dar riposo a Lulic e far rifiatare il bosniaco che chiaramente potr√† dargli il cambio a gara in corso e poi tenersi pronto per la prossima sfida del Franchi di Firenze. Adam Marusic rimarr√† fuori dall’elenco dei convocati, dovendo scontare l’ultima giornata di squalifica per l’espulsione rimediata lo scorso anno a Siviglia. Capitolo Stefan Radu: il romeno non si √® allenato e come gi√† accaduto nelle prime due gare della competizione non verr√† rischiato e continuer√† a disputare una sola gara a settimana. Jordan Lukaku infine pur avendo recuperato non potr√† essere impiegato da Inzaghi non essendo stato inserito in lista UEFA.

Chi non ha preso parte alle prove tattiche della vigilia di Celtic-Lazio √® il Mago Luis Alberto, ancora alle prese con l’affaticamento muscolare patito contro gli orobici. Il numero 10 potrebbe essere risparmiato e beneficer√† di un turno di riposo per poi riprendersi la cabina di regia a Firenze. Al momento anche la sua convocazione per il match di domani sera alle ore 21 √® a serio rischio. Inzaghi quindi rinuncer√† al calciatore prediletto, che il tecnico ha spedito in panchina soltanto in circostanze eccezionali – si legga Lazio-Rennes – salvo poi esser costretto a farlo subentrare. Cambier√† quindi il modo di giocare della squadra, che non potr√† contare sulle geometrie dell’iberico, che sar√† rilevato da Marco Parolo. Il centrocampista di Gallarate per√≤ non giocher√† da play come avvenuto – con pessimi risultati, per la verit√† non imputabili solo all’ex Parma – con l’Atalanta ma torner√† a giocare da mezz’ala, con velleit√† di inserimento nell’area di rigore scozzese. In regia √® previsto infatti il rientro di Lucas Leiva che, dopo aver riposato causa squalifica contro la Dea, sar√† chiamato al tour de force nelle prossime partite. La certezza del centrocampo risponde al nome e cognome di Sergej Milinkovic-Savic, che dovr√† guidare la Lazio ad una partita di carattere e personalit√†, elementi clamorosamente mancati nella prima frazione di sabato e ritrovati velocissimamente nel secondo tempo. In mediana √® prevista una staffetta con Cataldi, che perder√† il ballottaggio con Parolo almeno quanto alla titolarit√†. In attacco impensabile togliere un Correa in grande forma e motivato dalla splendida rete ai nerazzurri di Gasperini. Il numero 11 dovr√† colpire la retroguardia biancoverde assieme a Felipe Caicedo, con Immobile pronto a subentrare dalla panchina. I tifosi della Lazio si augurano per√≤ fino alla fine di vedere in campo il bomber di Torre Annunziata, che ha partecipato a 12 reti su 16 in campionato e che si √® anche sbloccato in Europa League alla seconda giornata siglando la rarit√† di un gol di testa al Rennes. Ciro non era stato nemmeno convocato per la sfida di Cluj-Napoca. Il numero 17 dovrebbe comunque subentrare nella ripresa al fine di trascinare la squadra e combattere per l’ennesimo trono, quello dei cannonieri di Europa League. Due anni fa primeggi√≤ con Aduriz del Bilbao, quest’anno nulla gli √® precluso. “Immobile √® un attaccante talentuoso, di grande valore internazionale. Un bomber accertato”,¬†ha ammesso l’allenatore del Celtic. Lennon sa che i capitolini concedono molto in difesa ed ha gi√† l’acquolina in bocca: “Normalmente concedono pochi gol, ma nelle ultime settimane hanno subito qualcosa in pi√Ļ e questo ovviamente ci d√† maggiore fiducia. Giocare in casa col nostro pubblico √® un enorme vantaggio e noi dobbiamo fare di tutto per massimizzarlo, credo che abbiamo tante chances. Se riuscissimo a vincere la partita, ed √® un grosso ‚Äúse‚ÄĚ, ci porteremmo in un’ottima posizione all’interno del girone e le nostre¬†possibilit√† di passare il turno aumenterebbero”.¬†Inzaghi vola a Glasgow con l’auspicio di smentirlo e prendersi assieme alla sua Lazio la vetta del girone di Europa League.

N.F.

Follow LAZIALITA on Social
0