Il Messaggero – L’Olimpico si rifà il look: dai trofei esposti nei settori alle esibizioni della Polisportiva, tutte le novità

 

ROMA – Obiettivo 20mila abbonati (quasi) raggiunto. Mancano ancora cento tessere, poi la Lazio eguaglierà il numero di abbonamenti sottoscritti nella passata stagione. La vendita proseguirà fino al 20 settembre, antivigilia del match casalingo con il Parma. «La Lazio è una famiglia» afferma il presidente Lotito. Lo stadio Olimpico sarà la casa di tutti i tifosi. E’ questa la sua intenzione, da vero pater familias. Partita dopo partita i trofei vinti dal club biancoceleste verrano esposti a turno in ogni settore: tribune, curve e distinti. Un modo per fortificare il senso apparenza. Un’occasione per gli spettatori per poter scattare un selfie ricordo con le coppe che hanno fatto la storia. Non solo, nelle aree limitrofe allo stadio le sezioni della Polisportiva si esibiranno a rotazione nel giorno della gara, coinvolgendo i tifosi più giovani, aspettando così il prossimo 9 gennaio, quando la Lazio raggiungerà il prestigioso traguardo dei 120 anni. Un’opportunità per divulgare e trasmettere i valori morali ed etici dello sport. Senza dimenticare poi il colpo d’occhio offerto dalle sagome a grandezza naturale dei giocatori, presenti già in occasione del derby in Monte Mario, e l’avvento di Filette Prime Water, nuovo sponsor e prima acqua plastic-free nel mondo del calcio, presentata insieme al Ceo Pietro Ricci. Insomma, tante e nuove iniziative, curate nei dettagli da Anna Maria Nastri, responsabile degli eventi della Lazio e figura inserita nello staff del presidente Claudio Lotito. Domani il numero biancocelste presenterà presso La Rinascente la squadra femminile insieme al responsabile Mauro Bianchessi, già a capo del settore giovanile.

Valerio Cassetta

Follow LAZIALITA on Social
0