Le PAGELLE di Guido De Angelis – Inzaghi, altro 3-0 a Di Francesco. Prestazione corale maiuscola, Immobile suona la carica dei…101!

 

GENOVA, STADIO LUIGI FERRARIS – La Lazio debutta in campionato al Marassi di Genova contro la Sampdoria e sciorina una prestazione maiuscola per tutti e 90 i minuti. Arrivano le prime pagelle stagionali del nostro direttore Guido De Angelis.

 

Strakosha 7 – Ha sulle spalle un errore lampante nell’amichevole di Vigo, ma quando Quagliarella e Gabbiadini provano da fuori area nel primo tempo va giù con prontezza. Decisivo al 42′ sul tiro ravvicinato di Vieira, la sua parata è una prodezza che salva il risultato. Nella ripresa toglie la gioia del gol a Gabbiadini con un intervento provvidenziale. Prestazione convincente, anche con i piedi.

Luiz Felipe 7 – Ha saltato l’inizio di preparazione, viene chiamato in causa al posto di Vavro e sfodera una prestazione importante, attenta e decisa. Meno irruento e più lucido del solito, non soffre mai gli avanti blucerchiati, alla vigilia Caprari non era un cliente facile. La speranza è che la condizione fisica lo assista per tutta la stagione, potrebbe essere quella della definitiva maturazione.

Acerbi 6,5 – Rocchi lo aveva espulso in Napoli-Lazio precludendogli di superare il record di presenze consecutive di Javier Zanetti, questa sera con lo stesso fischietto è costretto ad uscire a venti dal termine, quasi obbligato dalla panchina della Lazio. Non era mai successo nell’intera annata scorsa che dovesse abbandonare il campo anzitempo. Il solito guardiano della difesa, la Lazio riparte dal suo muro (dal 70′ Vavro 6 – Fa il suo esordio in maglia biancoceleste, deve solo contenere i non troppo convinti assalti doriani per il gol della bandiera).

Radu 6,5 – Preciso nelle diagonali, entra in campo concentratissimo come fosse la sua prima con la maglia biancoceleste, ma non aveva nulla da dimostrare. Gabbiadini e la Samp sono avvisati sin dai primi minuti: dalle sue parti non si passa. Mette la sua esperienza al servizio della squadra. Valore aggiunto.

Lazzari 6,5 – Il 3-5-2 gli è cucito addosso, nel primo tempo si fa tutta la fascia avanti e indietro e quando i compagni lo servono in ritardo non dispera, si accentra e tira. Prende un giallo severo al 20′ per fallo su Caprari, ma si propone con costanza e arriva al cross dalla destra con irrisoria facilità. Cinque giorni dopo l’intervento alla mano destra è già in campo ed è già fattore. Lo aspettavamo, è una conferma (dal 64′ Marusic 6 – Ha cinque allenamenti sulle gambe, entra in campo a risultato già acquisito per far rifiatare un ammonito Lazzari e lo fa con veemenza).

Luis Alberto 7 – È il fantasista del centrocampo, passa tutto per i suoi piedi delicati. La sua furbizia nel battere la punizione-assist per la prima rete di Immobile è la ripetizione della rimessa laterale che aveva innescato Correa nell’ultimo derby in occasione del gol di Caicedo. L’altro passaggio vincente per Correa è solo una delle giocate pregiate dello spagnolo. Cuce e ricama e offre anche preziosa copertura. Quando riparte col pallone sui piedi può succedere di tutto.

Parolo 6,5 – Dove lo metti non delude. Tra le note più liete del precampionato, in cabina di regia sostituisce Leiva al meglio, vincendo la gran parte dei contrasti e dominando in mediana. “Allenare giocatori così duttili e intelligenti è un vantaggio”, ha dichiarato Inzaghi. Gioca da veterano e i suoi polmoni ci saranno ancora una volta utilissimi.

Milinkovic 8 – Nella prima mezz’ora si dedica più alla fase difensiva che a quella offensiva, e al 30′ prova l’eurogol da centrocampo. È focalizzato sul match e carbura alla distanza sfoderando una performance di grido. Protagonista assoluto a centrocampo, svolge le due fasi con continuità, protegge col fisico e dipinge calcio sventagliando assist deliziosi per Immobile. L’assist per il 3-0 lascia a bocca aperta anche Immobile, che nel dopogara lo definisce “incommentabile”. È un arcobaleno. Ha una coccarda in più dei compagni sulla maglia (in quanto miglior centrocampista della Serie A della scorsa stagione, ndr) e il motivo appare chiaro: stasera gioca da top player, chapeau (dal 76′ Cataldi 6 – Consente a Milinkovic di tirare il fiato nel finale. Giocherà tante partite dopo la partenza di Badelj).

Lulic 6,5 – Il transfer della FIFA per Jony può attendere, il rientro di Lukaku anche: Senad è già in forma e non stacca mai la spina. Stilisticamente imperfetto, ma estremamente efficace sulla corsia sinistra.

Correa 7 – Non parte bene, Murillo gli prende le misure e a tratti pare evanescente ed intermittente come i riflettori del Marassi nel prepartita. Ma quando la sfera transita dalle sue parti si ha la sensazione che da un momento all’altro possa accendersi la luce. Implacabile a tu per tu con Audero nel realizzare il gol del raddoppio, non esulta in quanto ex. Capocannoniere della preseason, se acquisisce anche freddezza sottoporta e migliora la confidenza con la rete può essere una risorsa imprescindibile. Un anno fa aveva il ruolo di spaccapartite da subentrante, quest’anno partirà stabilmente dal primo minuto.

Immobile 8 – La carica dei 101, la tripla cifra di reti nella massima serie è l’ennesimo record infilato dal neo papà Ciro. Dalla firma del 26 agosto 2012 in Genoa-Cagliari alla doppietta del 25 agosto 2019 in Samp-Lazio. Un Audero in giornata di grazia non può negargli la gioia di dedicare al terzo figlio Mattia due reti (la prima è una gemma) che coronano una prestazione fatta anche di costanti ripiegamenti difensivi. Si fa ipnotizzare in più di una circostanza, ma poi sul tabellino dei marcatori c’è sempre il numero 17. La Samp è la sua vittima preferita. Per la quarta stagione consecutiva segna il primo gol in campionato della Lazio. Per senso di appartenenza, sudore e score è una certezza di questa squadra.

Inzaghi 7,5 – Nell’ultimo faccia a faccia con Di Francesco era finita 3-0 per la Lazio, oggi Simone serve il bis. Azzecca tutte le mosse dalla panchina, la sua squadra fa la partita per tutti i 90 minuti senza abbassare mai la soglia dell’attenzione. Meglio di così non si poteva iniziare.

IMG-20190826-WA0000

 

Follow LAZIALITA on Social
0