CONFERENZA – Manuel Lazzari: “Derby di Roma il più bello in italia, felice di essermi operato subito”

FORMELLO – Manuel Lazzari è stato per molto tempo un obiettivo della Lazio dopo aver catturato l’interesse del mister Inzaghi. Conclusa da qualche giorno la preparazione atletica in previsione della nuova stagione, è stato presentato ufficialmente presso la sala del centro sportivo della Lazio insieme a Andrè Anderson.

A fare gli onori di casa ci pensa Tare che introduce in questo modo il giocatore:

Presentiamo il secondo nuovo acquisto di questa stagione Lazzari. Un giocatore voluto già dalla scorsa stagione. Alla fine questa favola è diventata una realtà e siamo ben felici di presentarlo nella nostra squadra. Ho avuto modo di conoscerlo e mi ha colpito l’emozione che ha provato indossando questa maglia, una cosa rara che fa la differenza nel calcio di oggi. Lazzari sarà molto utile per la nostra causa e sarà un giocatore che sono sicuro arriverà alla nazionale italiana“.

la conferenza:

Già da ieri ti abbiamo visto in campo, fughiamo i dubbio, come stai?
“Diciamo che domenica ho preso una bella botta, ma sono riuscito ad operarmi il giorno dopo e già non sento più dolore. Ieri mi sono allenato e mi sono sentito a mio agio”.

Un grande passo da Ferrara a Roma, cosa ne pensi?
“Passare dalla Spal che lotta per la salvezza ed arrivare alla Lazio che compete per raggiungere la Champions, per me è un grosso salto in avanti. Mi farò trovare pronto e proverò a raggiungere il livello dei miei compagni”.

Che cosa ti ha fatto scegliere la Lazio?
“Diciamo che sono un paio d’anni che sentivo parlare della Lazio e sinceramente quando il mio agente ne parlava i mie occhi brillavano, perché un’occasione del genere non arriva sempre. Ho detto subito la mia volontà alla Spal cosa volevo”.

Quali sono i tuoi obiettivi?
“Gli obiettivi penso che li sappiate tutti. Questa squadra ha vinto la Coppa Italia, e ha giocato in Europa League. Ora dobbiamo puntare alla Champions, la squadra è forte e abbiamo due giocatori per ogni ruolo che potrebbero giocare ovunque”.

Con il modulo di Inzaghi sembra che sei fatto apposta per giocare nella Lazio, cosa hai trovato di nuovo?
“Sono 4 anni che giocavo con questo modulo e non ho trovato grandi difficoltà ad ambientarmi. Il metodo di lavoro è cambiato e il ritmo e la qualità è altissima, all’inizio non è stato facile, ma gli schemi ed i miei compagni mi hanno aiutato molto”.

Unico difetto che segni poco, cambierà qualcosa quest’anno?
“Anche il mister mi ha detto che 3/4 gol all’anno li devo fare. Lavorerò per migliorare”.

In passato hai avuto un infortunio simile, com’è andata?
“Sì, due anni fa nel mio primo anno in Serie A. Mi sono rotto lo scafoide e per 3/4 mesi ho giocato con il tutore e non ho avuto problemi”.

Giocare con giocatori di altissima qualità che stimolo ti ha dato?
“Diciamo che gli stimoli con questi compagni non mancano. Ti viene voglia sempre di lavorare e cerco di mantenere il passo. Per me è un sogno stare qui e proverò a farmi trovare sempre pronto”.

Derby tra due settimane, come ti avvicini alla partita e cosa ne pensi?
“Quando mi sono fatto male domenica scorsa ho passato delle ore brutte. Non ci voleva. Ma alla fine per fortuna è andata bene e sono riuscito a recuperare. Il derby romano penso sia il più bello che ci sia in Italia e sono felice di essermi operato subito per essere pronto. Tutti i giocatori vorrebbero giocare una partita del genere”.

Con chi hai legato di più e chi ti ha dato più consigli?
“Sono un ragazzo un po’ timido e se non fosse stato per i miei compagni ci sarebbe voluto più tempo. Mi trovo bene con tutti, ma parlando in italiano parlo di più con Cataldi il mio compagno di stanza, con Ciro e Acerbi che ringrazio per starmi vicino”.

Follow LAZIALITA on Social
0