Sarà una Lazio votata all’attacco con i nuovi innesti

Le amichevoli estive hanno mostrato una Lazio votata maggiormente al gioco d’attacco. Per larghi tratti si è rivista la squadra spumeggiante ammirata due anni fa, capace di segnare 89 goal solo in campionato. C’è da dare il giusto peso alla qualità degli avversari incontrati fino ad ora, ma le ultime prove contro formazioni della massima serie del proprio paese hanno confermato una Lazio in palla nel reparto avanzato.

 Inzaghi è deciso nell’insistere con il modulo fantasia che vede contemporaneamente in campo Luis Alberto, Milinkovic, Correa ed Immobile. In particolare l’argentino è sembrato in una forma strepitosa durante la preparazione estiva, mostrando un fiuto del goal che lo scorso anno aveva latitato in alcuni tratti della stagione. Anche Luis Alberto ha sciorinato ottime prestazioni ed il suo nome è spesso comparso nel tabellino dei marcatori. Immobile vuole partire con il turbo per superare quota 100 in Serie A e Milinkovic, se dovesse rimanere, vuole contribuire con la sua classe a portare i biancocelesti in Champions.

COSA E’ CAMBIATO RISPETTO ALLA SCORSA STAGIONE. Le fasce dovranno essere necessariamente l’arma in più per una squadra che giocherà, nella maggior parte dei casi, con il 3-5-2.  Lazzari dovrà essere la chiave di volta sulla fascia destra, troppo spesso punto debole della Lazio, lo scorso anno. I cross dell’ex Spal garantiranno rifornimenti costanti per gli attaccanti e per gli inserimenti dei centrocampisti. Sul lato opposto Jony cercherà di non essere da meno, probabile che si giochi il posto da titolare con capitan Lulic, ma lo spagnolo rappresenterà una carta fondamentale anche a partita in corso. Infine occorre ricordare l’innesto di Vavro nel terzetto difensivo, il difensore slovacco ha mostrato in più occasioni di avere un piede estremamente educato e potrà rappresentare un’ulteriore risorsa per la manovra offensiva laziale.

 

Follow LAZIALITA on Social
0