FOCUS – La “Pretemporada” del Tucu: il gol non è più un problema e l’intesa con Luis Alberto…

di Marcello Baldi

AURONZO – “È un giocatore dotato di tecnica infallibile, peccato che poi si perda sotto porta…”. Problema che sembra ormai risolto. Nelle amichevoli disputate fino ad oggi dalla Lazio all’ombra delle Tre Cime di Lavaredo, Joaquín Correa ha messo a segno ben 10 delle 40 marcature totali della squadra. Solo amichevoli, senza dubbio, ma il “Tucu” già nello scorso finale di campionato, in gol nelle sfide di di Serie A contro Cagliari e Bologna e in quelle ancor più importanti di Coppa Italia, in semifinale contro il Milan e in finale contro l’Atalanta, aveva dimostrato un’attitudine al gol ben diversa da quella dimostrata nelle prime fasi del campionato.
Giocate, tocchi di palla delicati. Poi gol, di destro, di sinistro, al volo, ad incrociare. La “pretemporada” del numero undici si è rivelata fin qui positiva. Idolo dei bambini, che in lui rivedono quel prototipo di giocatore dotato di innate qualità tecniche e destinato a trascinare la squadra laddove gli ostacoli e la sfortuna sembrano avere la meglio. Soprattutto in un momento in cui il giocatore più importante a livello di qualità e prospettive, vale a dire Sergej Milinkovic-Savic, sembra prossimo all’addio.
L’intesa con Luis Alberto, anche questa già messa in luce nella scorsa stagione, sembra essersi ulteriormente rinforzata. Lo spagnolo, nonostante le ingenti voci di mercato,  sembra aver ritrovato la condizione psico-fisica necessaria per poter ripartire con il piede giusto. Un piede, quello del “diez” sopraffino. La capacità di scambiare il pallone con il compagno di reparto argentino è ciò che forse più ha deliziato i palati dei sostenitori presenti ad Auronzo. Rumors di mercato? Inevitabili. Il Napoli e il Milan tra le pretendenti principali, ma Joaquín pensa ad altro:La Champions è il nostro obiettivo. Non ho una cifra di gol che devo necessariamente raggiungere, voglio sempre essere decisivo per aiutare la mia squadra. Bisogna cominciare bene per crescere”. 

Domani l’ultimo appuntamento della prima parte di ritiro, contro il Mantova: un’altra occasione, prima del ritorno nella Capitale, di rifarsi gli occhi a suon di calcio ispano-americano.

M.B.

 

M.B.

Follow LAZIALITA on Social
0