Vavro fissa gli obiettivi: “Voglio giocare titolare e aiutare la Lazio a vincere trofei”

«Mi piace molto il calcio italiano. Ho detto in passato che avrei voluto seguire le orme di Milan Skriniar e così ho fatto. Sono soddisfatto. Per quanto riguarda le offerte, ne ho ricevute parecchie dall’Inghilterra e da altri club italiani, ma anche dal Belgio. Chi mi ha consigliato? La mia famiglia. La mia ragazza ha avuto un ruolo importante in questa decisione. Poi ne ho parlato anche con i ragazzi della nazionale che giocano in Italia. Quali obiettivi mi pongo? Voglio diventare titolare e aiutare la squadra a vincere trofei» .

Queste sono le dichiarazioni rilasciate da Denis Vavro a Futbalsfz.sk (media slovacco), all’indomani dell’ufficialità del suo trasferimento nella Capitale. Che ha poi continuato così parlando del club biancoceleste: «Quando ho saputo che sarei andato alla Lazio? Sapevo che stavamo sulla strada giusta, che le cose procedevano a piccoli passi. Di sicuro, l’ho capito quando ho fatto le visite e ho firmato. Mi sento benissimo. È un onore, per me, trasferirmi in un club così grande. Quei sentimenti sono indescrivibili. Le visite sono andate abbastanza bene, anche se sono state un po’ lunghe. Poi sono stato al centro sportivo, e lì ho firmato il contratto».

Il difensore è il primo slovacco nella storia della Prima Squadra della Capitale, il terzo acquisto più caro del reparto difensivo in 119 anni di storia: davanti a lui soltanto SiniÅ¡a Mihajlović arrivato a Roma per 17 milioni di euro e Jaap Stam comprato dal Manchester United per 25,75 milioni di euro. Più in generale Denis Vavro è il ventesimo colpo di mercato più caro nella storia della Lazio, entrato nella top 20 a discapito di Alen BokÅ¡ić, pagato “soltanto” 11 milioni di euro dall’ Olympique Marsiglia.

 

 

Follow LAZIALITA on Social
0