‘Quelli Che..’ – Giordano: “Petagna e Cutrone giocatori normalissimi. Cosa aspetta la società a prendere uno tra Veretout, Muriel o Biraghi”

 

received_384022262226915

 

Archiviato definitivamente il caso Wesley si torna a discutere di un possibile sostituto per Immobile che andrebbe a prendere il posto di Caicedo in partenza. Quello che sembrava essere oramai un giocatore della Lazio ha preso una strada diversa da quella che in molti a Roma, sponda biancoceleste, speravano. Il calciatore, infatti, è stato acquistato dall’Aston Villa per la cifra di 25 milioni. Un ammontare di denaro che supera la cifra offerta dalla società di Lotito. La Lazio, infatti, si è fermata a 16 milioni di euro più cinque di bonus. Tanti i nomi degli attaccanti che ora girano attorno alla società. Petagna e Cutrone sono in pole position.
“Petagna e Cutrone sono due giocatori normalissimi che non ti fanno fare il cambio di passo. Sono due incognite che non ti permettono di puntare ad un posto per la Champions League – ha dichiarato Bruno Giordano durante la quotidiana puntata di ‘Quelli che hanno portato il calcio a Roma’ -. Io punterei su Simeone della Fiorentina che conosce molto bene il campionato italiano. È un classe 95, quindi un anno in più di Wesley, e le sue caratteristiche gli possono permettere di giocare con immobile”.
Cresce il malumore in alcuni i tifosi. Se da un lato in molti non sono rammaricati per il mancato acquisto del calciatore belga, dall’altro c’è chi parla di occasione persa. Tutti, comunque, concordano sul fatto che si sta nuovamente delineando la strada percorsa in passato dalla società e cioè quella di non investire troppo per i nuovi acquisti. La differenza di 4 milioni di euro che ha diviso la Lazio dall’Aston Villa non era, per molti, uno scoglio insormontabile. La necessità di investire maggiori risorse economiche potrebbe portare nuovi calciatori di qualità.
“Dobbiamo vivere e convivere ogni giorno con le notizie che usciranno. Io mi chiedo cosa aspetta la società a prendere Veretout, Muriel o Biraghi – conclude Giordano -. Ci ritroveremo a fine sessione di mercato con giocatori che non ci faranno fare il salto di qualità. Solamente a fine campagna acquisti bisognerà essere chiari sugli obiettivi da raggiungere e, quindi, solo allora si capirà se Inzaghi sarà contento oppure no ”.

Follow LAZIALITA on Social
0