Bravo Correa, Romulo si conferma. Caicedo segna e trascina la Lazio

Schermata 2019-04-28 alle 20.28.27

GENOVA, Stadio Luigi Ferraris – La Lazio espugna Marassi e prosegue nelle vittorie in trasferta dopo il successo in coppa Italia contro il Milan. La doppietta di Caicedo vale i 3 punti che portano i biancocelesti a quota 55, inutile la rete di Quagliarella. Come di consueto a margine del match, arrivano le pagelle di Guido De Angelis.

 

STRAKOSHA 6,5 РFortunato e reattivo. Bravo nel primo tempo sulla punizione di Ramirez, nel secondo ̬ assistito dalla dea bendata sul tiro di Murru che colpisce il palo e poi la sua schiena.

WALLACE 5,5 – Riesce a prendere un giallo inutile, perde Quagliarella in occasione del gol blucerchiato

ACERBI 6 – Con una grande scivolata a fine gara pareggia l’intervento maldestro di testa che libera Quagliarella e contribuisce a disorientare Wallace. Attento per il resto.

BASTOS 6,5 – Il migliore della retroguardia, non perde la calma e gioca il pallone. A volte esagera con le cavalcate verso la porta avversaria, ma recupera poi la posizione.

ROMULO 7 – La fascia destra, con lui in campo, è un’altra cosa. Finalmente arrivano bei cross, splendido l’assist per Caicedo. È costretto a fermarsi per un problema alla spalla (MARUSIC 6 – Esegue un semplice compito ma non affonda mai sulla destra come il collega che lo ha preceduto in campo. Ogni tanto soffre Murru).

PAROLO 6,5 – L’età si fa sentire, ma l’esperienza messa in campo oggi è importante. Partita di sostanza

LEIVA 6,5 – Meno lucido rispetto al solito a inizio partita. Poi innesca Correa con un gran passaggio per il contropiede del momentaneo 0-2. Sembra tra i più provati fisicamente dopo la gara di San Siro. Se la cava.

CATALDI 6 – Partita buona, ogni tanto si propone in avanti nelle ripartenze. Su di lui c’è un fallo al limite dell’area di rigore, che dà in diretta l’impressione del penalty. Sbaglia qualche punizione all’inizio, poi si riprende (BADELJ 6,5 – Entra e fa ciò che serve per portare a casa il risultato).

LULIC 6 – A fine gara prende un giallo pesante. Sarebbe servito lui per fermare le furie atalantine sulle fasce nel prossimo turno di campionato. Era diffidato, non ci sarà per squalifica. Per il resto, gara nella media.

CORREA 7 – Nel primo tempo è imprendibile, la Sampdoria – sua ex squadra – lo soffre. Spreca il match-ball a fine partita, ma il gol pesante lo ha segnato mercoledì a San Siro.

CAICEDO 8 – Ancora una volta decisivo a Marassi, questa volta con una doppietta. Ispiratissimo: nella prima azione ruba il pallone a Colley e corre verso la porta di Audero segnando un bel gol. La seconda rete corrisponde a un gran colpo di testa angolato su cui il portiere non può far nulla (IMMOBILE 6,5 – L’ennesimo legno della stagione gli nega la gioia del gol. È la nona volta che accade, sembra una maledizione. Ha l’occasione di rifarsi una volta lanciato verso la porta, ma non riesce; poi serve un gran pallone a Correa che non sfrutta l’occasione al 93′).

 

INZAGHI 8 – Oggi la Lazio giocava senza Milinkovic, Radu e Luis Alberto. Tre assenze pesanti che fortunatamente non si sono fatte sentire. Alla Lazio l’unica cosa che continua a mancare è la gestione della gara fino in fondo: all’inizio della ripresa la squadra ci aveva dato l’impressione di poter fare un buon possesso palla, ma poi subisce le due occasioni avversarie più importanti in corrispondenza dei due legni colpiti (il gol di Quagliarella dopo il palo di Correa e l’errore di Defrel a porta vuota in seguito alla traversa di Immobile).

Follow LAZIALITA on Social
0