CONFERENZA – Inzaghi: “Mente libera e personalità per sfatare il tabù Milan. Rocchi? Una garanzia”

inzaghi conferenza 18:19

FORMELLO – La Lazio è attesa dalle ultime 8 partite del campionato, una in più rispetto a tutte le altre (l’Udinese, che affronterà mercoledì, è l’unica a dover recuperare un match). Alla viglia di uno dei big match di stagione, quello contro il Milan a San Siro, Simone Inzaghi ha risposto alle domande dei cronisti presenti in sala stampa.

Queste le dichiarazioni del tecnico biancoceleste.

 

Visto il momento, Milan-Lazio è da dentro o fuori?

Sicuramente la partita di domani sarà molto importante. È una fetta importante del nostro cammino Champions. Voglio una squadra con la mente libera, consapevole di essere forte per andare a San Siro e giocare con grande mentalità.

 

Hai capito qual è il motivo della differenza di rendimento nelle partite con le piccole e con le grandi squadre?

Con SPAL e Sassuolo siamo stati al di sotto delle nostre possibilità. Con la SPAL non dovevamo perdere in quel punto della partita, con il Sassuolo meritavamo di vincere. Sarebbero stati tre punti fondamentali. C’è fiducia per domani.

 

Hai richiamato l’attenzione del gruppo? Dei 32 gol subiti, 10 sono negli ultimi 15 minuti…

Penso che tutte quante le squadre abbiano una statistica simile. È un fatto di concentrazione, penso accada a tutti. Bisogna sapere che gli ultimi minuti sono i più importanti. È lì che bisogna fare il salto e alzare la concentrazione.

 

La mente libera serve a sfatare il tabù?

Penso che tutti i tabù dovranno essere sfatati prima o poi. Penso che non sia da tutti vincere a San Siro con l’Inter e in casa della Juventus. Spero che anche questo tabù possa saltare domani.

 

Qual è la condizione degli infortunati?

Non ci sarà Radu, che ha una caviglia non ancora a posto, continua ad avere problemi e abbiamo preferito non portarlo. Marusic ha avuto un indolenzimento nella partita col Sassuolo, domani non ci sarà, e speriamo di poterlo recuperare per mercoledì. Berisha è ancora alla prese col problema al polpaccio, gli altri sono tutti convocati, a parte Badelj che è squalificato. Ci sarà anche Silva della Primavera.

 

Che gruppo ha visto in questi giorni?

Abbiamo parlato, abbiamo analizzato. Abbiamo dominato la partita col Sassuolo, avremmo dovuto vincere, i ragazzi hanno avuto la reazione di pareggiare al 95′. Sui gol subiti sono stati commessi errori che non possiamo permetterci.

 

Si sta parlando molto di Immobile. Alle spalle di Immobile per andare a ritrovare bisogna arrivare a quota 4. Si aspetta qualcosa in più dagli altri?

Penso di sì. Mi aspetto più gol da tutti, anche da Luis Alberto e Milinkovic, da Correa e Caicedo. Immobile nelle ultime due stagioni aveva segnato di più, ma tutti quanti ci aiutano di più in fase di non possesso e possono essere meno lucidi in fase conclusiva. Penso possiamo migliorare.

 

Rocchi può essere una garanzia per domani?

Io penso di sì. Avevo detto che il rigore per noi contro il Sassuolo c’era, li hanno dati tutti i rigori così. Rocchi è una garanzia, sta arbitrando le partite migliori al livello europeo. Penso che domani possa essere una garanzia per il pubblico che ci sarà. Meglio di lui non c’è nessuno per domani.

 

Ritieni di aver tratto qualcosa di positivo dagli errori fatti?

Sicuramente, ho detto che avremmo dovuto fare quattro punti. Ne abbiamo fatto uno solo. Siamo stati al di sotto delle nostre possibilità, abbiamo fatto due grandi errori nella partita col Sassuolo, e non possiamo permettercelo.

 

Non avete mai vinto contro il Milan di Gattuso, pensi di cambiare qualcosa?

Penso che grosso modo la formazione sia fatta. Ho dubbi per quanto riguarda i terzi, a destra possono giocare sia Ramos sia Patric, a sinistra uno tra Bastos e Wallace. Sarà una bellissima partita con un grande pubblico. Dovremo giocare con personalità, sapendo di avere nelle corde queste partite.

 

 

Follow LAZIALITA on Social
0