FOCUS – Ecco Romulo: un jolly italo-brasiliano per Inzaghi

romulo

di Marcello Baldi

 

Colpo in entrata della Lazio al fotofinish: si tratta dell’italo-brasiliano Romulo, rilevato con la formula del prestito di 6 mesi con diritto di riscatto dal Genoa. Nato in Brasile ma con passaporto italiano, per Inzaghi si tratta di un jolly a tutti gli effetti.


INIZI E CARRIERA
– Nato a Pelotas, in Brasile, il 22 maggio 1987 (32 anni da compiere), Romulo Souza Orestes Caldeira muove i primi passi calcistici nelle giovanili del Caxias, vestendo successivamente le maglie di Juventude, Metropolitano, Chapecoense e Santo Andrè, fino ad arrivare al Cruzeiro ed una breve parentesi all’Atletico Paranense.

Approda in Italia nel 2011, quando la Fiorentina lo rileva per 2,5 milioni. Dopo due stagioni con la maglia viola passa all’Hellas Verona che, a seguito di una stagione caratterizzata da 32 presenze e 6 gol, lo gira in prestito alla Juventus per un milione con diritto di riscatto fissato a 6.
A causa di molteplici problemi agli adduttori, decide di operarsi nel dicembre 2014, il che lo costringe a saltare i successivi 3 mesi.
Successivamente, al suo rientro è vittima di una lesione al retto femorale della coscia sinistra che mette fine alla sua stagione bianconera.
Torna al Verona e vi rimane per le successive tre stagioni, totalizzando 91 presenze e 7 gol tra Serie A e Serie B.
Passato al Genoa la scorsa estate da svincolato, in questo campionato ha collezionato finora 17 presenze ed una rete, su calcio di rigore contro l’Udinese.

romulo

 

IN CAMPO – Tecnicamente si può considerare un vero e proprio jolly. In carriera ha ricoperto sia il ruolo di terzino destro che di esterno di centrocampo a cinque, quello che con ogni probabilitĂ  gli riserverĂ  Simone Inzaghi. A Firenze fu impiegato da Vincenzo Montella anche come interno di centrocampo, mentre nella stagione 2016-17, a Verona, interpretò addirittura il ruolo di esterno offensivo nel tridente di Fabio Pecchia. Alto 1.78 cm e dotato di buona corsa, è anche un ottimo rigorista. Sa combinare buona attitudine offensiva a discrete capacitĂ  difensive. Caratteristiche che gli permettono di giocare praticamente ovunque.

 

RITIRO NAZIONALE ITALIANA CALCIO. BRASILE 2014


DOPPIO PASSAPORTO  E NAZIONALE
– Avendo trisavoli originari di Venezia, Romulo dispone del passaporto italiano. Nel 2014 fu inserito da Prandelli nella lista dei 30 pre-convocati in vista dei Mondiali in Brasile. Nonostante venne successivamente inserito tra i 23 disponibili per la spedizione mondiale, il giocatore stesso rifiutò la convocazione dopo aver dichiarato di non essere in uno stato di forma adeguato per la competizione.
M.B.

Follow LAZIALITA on Social
0