Lazio, qualcosa non va: i big mancano e l’ambiente non √® sereno

Guido-Nuova-11-1

 

“La Lazio raccoglie solo un punto al Bentegodi: contro il Chievo √® 1-1. √ą un pareggio che sa di sconfitta, se avessimo avuto trenta punti il discorso sarebbe stato sicuramente diverso. L’ambiente ha capito che c’√® qualcosa che non va e l’entusiasmo¬†ne sta risentendo.¬†
Ieri sono stati evidenti alcuni limiti anche tecnici, soprattutto sulla catena di destra, infatti ieri abbiamo giocato spesso sulla fascia sinistra.
Oggi √® difficile ragionare, qualcosa sta scricchiolando. Basta uno stand-by di risultati e non siamo pi√Ļ da quarto posto.
Manca per√≤ la cattiveria dell’anno scorso: il gol di Pellissier, che evidenzia alcuni limiti palesati anche contro il Milan, dimostra un atteggiamento sbagliato da parte dei nostri.¬†
La Lazio ora andrà in ritiro, ma aldilà di questo la comunicazione con la dirigenza è pressoché inesistente.
Il Chievo ha dato tutto sapendo che avrebbe potuto vincere o perdere, noi gli abbiamo concesso un tempo intero, mettendoci sul loro stesso piano. Questo non √® un atteggiamento da grande squadra, tutt’altro. Non abbiamo messo in campo ¬†quel qualcosa in pi√Ļ, nonostante questo va detto che il Chievo una settimana fa ha fermato il Napoli al San Paolo.
Anche sull’1-1 avremmo dovuto avere una reazione migliore, da squadra¬†che vuole andare in Champions League.
Non vorrei si scaricasse tutto su Inzaghi: rispetto alla squadra dell’anno scorso √® come se mancassero due giocatori e mezzo. Ciro, nonostante tutto, riesce sempre a segnare. Correa ci d√† luce in questo momento buio, ma Milinkovic e Luis Alberto non ci sono. Senza di loro chi cambia le partite alla Lazio?
Forse l’insistere con questo modulo da parte del tecnico √® anche un segnale alla dirigenza”.

 

 

Follow LAZIALITA on Social
0