CHIEVO-LAZIO, I PRECEDENTI – Biancocelesti bestia nera al Bentegodi. Da Hernanes a Milinkovic: quante prodezze in terra veronese

2154293-45043270-2560-1440

di Marcello Baldi

Un avversario ostico quando si gioca all’Olimpico, un leone spesso domato al Bentegodi. Domenica, ore 18:00, la Lazio di Simone Inzaghi sarà ospite del Chievo Verona di Mimmo di Carlo, squadra che nonostante un solo punto in classifica ed un cammino finora ricco di sconfitte, ha saputo fermare la Roma all’Olimpico ed il Napoli al San Paolo. Quest’ultimo risultato meno di una settimana fa, il che fa della squadra clivense un avversario da tenere sicuramente sott’occhio. Ciononostante, i precedenti di questa sfida disputati in terra veronese fanno della Lazio una delle bestie nere della compagine gialloblu.

225305181-5f968073-2b54-4871-9616-ddeaf459b7da

PRECEDENTI – Al Bentegodi, Chievo e Lazio si sono affrontate in Serie A ben 16 volte: 9 volte i capitolini hanno raccolto 3 punti, 5 i pareggi e solo 2 le vittorie della squadra di casa. Il primo incontro, datato 2001-02, vide la squadra all’epoca allenata da Luigi Del Neri (la quale terminò con un inaspettato quinto posto in classifica quella stagione) imporsi per 3-1. In quel Chievo militavano anche tre ex-Lazio, vale a dire Corradi, Franceschini e Manfredini. La prima vittoria biancoceleste al Bentegodi (escludendo quella ai calci di rigore del 1995, valida per i sedicesimi di Coppa Italia) risale al 20 febbraio 2005: Tommaso Rocchi mise lo zampino su una vittoria sofferta, con il Chievo che concluse la sfida in nove per i rossi a Baronio e Brighi. La Lazio non ha più saputo perdere fino al 2015, quando i gialloblu dominarono, vincendo 4-0 contro la squadra di Pioli, fresca di eliminazione dalla Champions League.
Nella passata stagione, le due squadre si incontrarono alla seconda giornata: al vantaggio di Immobile rispose Pucciarelli. Soltanto un bolide del “Sergente” Milinkovic-Savic, seguito da un caloroso abbraccio con Simone Inzaghi e la panchina, riuscì ad evitare alla Lazio il secondo pareggio consecutivo dopo quello all’esordio contro la SPAL.

hernanes-e-klose

I BOMBER DELLA SFIDA –  Hernanes-Klose-Klose, Hernanes-Klose-Hernanes. Queste le sequenze dei marcatori delle due sfide risalenti al 2012 e al 2013. In molti ricorderanno la serpentina del “Profeta”, seguita dal piazzato di sinistro che andò a lambire il palo ed infilarsi in rete, cosi come le incursioni del tedesco, al suo primo anno di Lazio, che chiusero una sfida sofferta su un terreno di gioco tutt’altro che praticabile. I due sono tra i giocatori biancocelesti ad aver segnato più reti contro i clivensi. Anche all’Olimpico furono in grado di mettere a segno marcature di pregevolissima fattura.
Nella passata stagione Milinkovic-Savic ha segnato complessivamente tre gol contro il Chievo (altri due nel ritorno dell’Olimpico, in una delle sue migliori prestazioni stagionali). L’auspicio è che i colori gialloblu possano riportare alla rete il numero 21 biancoceleste, che manca dal 23 settembre contro il Genoa.
Nelle ultime cinque sfide al Bentegodi (comprese quelle contro il Verona), tra Lazio e Torino, Immobile ha messo a segno 4 gol ed un assist. Tre i centri complessivi contro il Chievo, tra cui la sua prima doppietta in Serie A.
È invece Sergio Pellissier il giocatore clivense con più reti all’attivo contro i biancocelesti: ben 7 i centri, anche se l’ultimo è ormai datato 2012.

M.B.

Follow LAZIALITA on Social
0