APOLLON LIMASSOL – L’ANGOLO STORICO: I trionfi, lo “Tsirio”, il primato e il talento argentino

Apollon

di Marcello Baldi

La seconda città più popolosa nonché il capoluogo più grande dell’isola di Cipro. Dal 1974, dopo l’occupazione turca, ne divenne anche il punto nevralgico del traffico marittimo e meta turistica di rilievo. Sarà a Limassol dove la Lazio disputerà la quinta partita del girone H di Europa League contro l’Apollon, attuale prima forza del campionato cipriota. Una sfida che potrebbe non valere più tanto, considerando il passaggio del turno già acquisito da parte degli uomini di Inzaghi, ma che sarà un’ottima vetrina per le seconde linee, oltre che una possibilità per visitare la splendida città

ORIGINI E STORIA – L’AthlÄ«tikos Podosfairikos Omilos Apollōn Lemesou nasce nell’omonima città di Limassol il 13 febbraio 1954. Affidatasi alla CFA (la federazione calcistica cipriota), i suoi inizi furono tutt’altro che gloriosi: riuscì a perdere tutti gli 8 incontri di uno dei due gironi di seconda serie. Normale per una squadra appena fondata. La seconda stagione infatti si rivela molto più soddisfacente, dati gli arrivi di alcuni giocatori provenienti dall’AEL Limassol, che si conclude con il raggiungimento dei play-off e l’approdo in massima serie, in cui continua a militare tutt’oggi senza essere mai retrocessa.
Il primo trofeo in assoluto della sua storia è l’edizione 1966-67 della Coppa di Cipro, trofeo che oggi in bacheca può essere vantato per ben nove volte. La prima vittoria della A’ KatÄ«goria, vale a dire il massimo campionato cipriota, è datata 1990-91, successo bissato tre anni più tardi e vinto per la terza ed ultima volta nel 2005-06. Nella passata edizione, il club si è piazzato secondo, alle spalle dei rivali dell’APOEL Nicosia, la squadra più titolata di Cipro.
In bacheca, i prossimi avversari della Lazio hanno collezionato anche 3 Supercoppe cipriote.

Everton-FC-v-Apollon-Limassol-UEFA-Europa-League

 

LO STADIO TSIRIO – Inaugurato nel 1975, lo Tsirio è dove l’Apollon disputa le sue partite casalinghe, oltre che delle rivali cittadine, AEL e Aris Limassol. Ristrutturato nel 1980, la sua capienza è di 13.331 posti a sedere ed è stato in passato anche adibito alle partite della nazionale. Dopo i due impianti di Nicosia (l’Atatürk e il Neo GSP), è lo stadio più capiente di Cipro. La sfida di domani tuttavia si disputerà proprio al Neo GSP di Nicosia.

PH000023Dimi_Crop

IL MOMENTO: PRIMATO A CIPRO, PEREYRA IL CAPOCANNONIERE

Nella A’ KatigorÄ«a cipriota, la vittoria per 3-0 sull’Alki Oroklini è valsa alla squadra, allenata da Sofronis Augousti il primato in concomitanza con l’AEL Limassol, il quale però ha disputato una gara in più (primato frutto della vittoria nel derby, la settimana scorsa, proprio contro l’AEL). Con una doppietta nella sfida, l’argentino Facundo Pereyra, trentunenne proveniente dalla città di Zárate (nome della città), porta il suo computo totale a 9 marcature. Sicuramente l’elemento da tenere maggiormente sott’occhio per la retroguardia biancoceleste.
Altro argentino, proveniente dalla regione di Tucumán come Joaquín Correa (da qui “El Tucu”), è Emilio Zelaya, giocatore dalle discrete qualità sia fisiche che tecniche.
Giocatori per i quali, aldilà dell’importanza che ricoprono nel proprio club, la Lazio ha i mezzi tecnici sufficienti per arginarne la prestazione.

 

M.B.

Follow LAZIALITA on Social
0