UN OCCHIO AL CAMPIONATO – La Juve allunga sul Napoli, L’Inter torna alla vittoria. Lazio e Milan pareggiano, crolla la Roma

 

lazio

di G. Jacopo Romagnoli

La Lazio non riesce a sfatare il tabù delle big, pareggia in casa 1-1 con il Milan. Alla fine non è tutto da buttare, i biancocelesti tengono a distanza i rossoneri e guadagnano anche un punto sulla Roma, ma il pensiero che si potesse fare di più resta impresso nella mente. Andiamo a vedere cosa è successo nel resto della giornata di campionato.

91987350-f000-11e8-bbf1-7b061d972f8e

LE AVVERSARIE DELLA LAZIO PER LA CHAMPIONS – E’ una giornata che non smuove più di tanto gli equilibri di classifica, anche se la Juve, al primo posto, allunga ulteriormente sul Napoli, arrivando a +8. Infatti, i bianconeri stendono la Spal 2-0 grazie ai soliti Ronaldo e Mandzukic, rispettivamente 9 e 6 reti in Serie A, mentre i partenopei pareggiano clamorosamente 0-0 con il Chievo, che raggiunge quota 1 punto. Ne approfitta l’Inter, che dopo la batosta con l’Atalanta, si rifà e spazza via il Frosinone con un netto 3-0 firmato Keita (doppietta) e Lautaro Martinez. La Roma continua a non fare risultato in campionato ed esce sconfitta dalla Dacia Arena con l’Udinese, grazie al bellissimo gol di De Paul, esordio vincente per Nicola sulla panchina friulana. L’Udinese aveva segnato anche il secondo gol, con Pussetto imbeccato straordinariamente ancora una volta da De Paul, ma è stato annullato, giustamente, per uno stop di mano dell’attaccante.

LAPR1424-0056-kIWD--896x504@Gazzetta-Web

LE ALTRE – Pareggi 0-0 per Bologna-Fiorentina e Cagliari-Torino, queste ultime tre hanno il record di pareggi di questo campionato, ben 6 in 13 gare, mentre il Bologna con questo mancato successo scende al terzultimo posto, in zona retrocessione. Grande stagione fin qui del Parma, che con il 2-1 sul Sassuolo, le reti di Gervinho e Bruno Alves, per i neroverdi Babacar su rigore, concesso dopo aver rivisto l’azione al Var, sale incredibilmente in zona Europa, scavalcando proprio i diretti avversari, ma anche la Roma. Seconda vittoria consecutiva per Iachini e il suo Empoli che battono in rimonta l’Atalanta 3-2. E pensare che il primo tempo si era concluso 2-0 per gli ospiti e Caputo aveva anche sbagliato un calcio di rigore. Ma nel calcio mai dare per morto nessuno, infatti La Gumina, l’autogol di Masiello e la rete decisiva di Silvestre permettono ai toscani di vincere una partita fondamentale per la salvezza. Da registrare, invece, il passo indietro dei bergamaschi dopo il 4-1 sull’Inter del turno scorso. Per chiudere la giornata si è giocato il derby della Lanterna tra Genoa e Sampdoria, conclusosi con il risultato di 1-1. In gol i bomber delle rispettive squadre, prima Quagliarella, poi Piatek su rigore, al ritorno al gol dopo qualche giornata di digiuno.

7303df44-f0b7-11e8-93f5-f4e69b527157

TOP & FLOP – Dopo una giornata tra i flop ecco che De Paul si riprende il suo posto tra i migliori, d’altronde gol vittoria contro la Roma e prestazione eccellente meritano di essere premiati. Primi squilli in maglia interista per Keita, autore di una doppietta e di un assist contro il Frosinone, i nerazzurri sperano che questa possa diventare una consuetudine. Continua a volare il Parma, soprattutto grazie alle giocate e ai gol della sua stella Gervinho, ancora una volta decisivo per il successo dei suoi. Da menzionare anche i goleador nel derby, Quagliarella, oramai non è più una sorpresa ma una certezza, e Piatek, ha scelto di ritornare al gol in un’occasione speciale per la squadra e per i tifosi, inoltre, primo gol da quando siede sulla panchina Juric. Tra i top c’è anche Correa, autore del gol al 94° che ha salvato la Lazio dall’ennesima caduta contro una big. Non possiamo non inserire tutto l’Empoli e il suo allenatore Iachini, che ha portato in toscana una ventata d’aria fresca e due successi consecutivi, quest’ultimo contro l’Atalanta rimontando da 0-2 a 3-2.

162115028-a101b783-4c57-4c36-a558-072dd7911113

Tra i flop ecco Schick e Kluivert, i due giocatori hanno fatto rimpiangere le scelte di Di Francesco di lasciare in panchina Dzeko e Under, i due giocatori, oramai stanno diventando un habituè di questa categoria. Anche la difesa del Sassuolo finisce tra i flop, i due gol subiti per distrazione gridano vendetta. Deludente e per certi versi arrogante l’Atalanta che perde una partita che a fine primo tempo sembrava vinta anche abbastanza agevolmente. Negativa anche la giornata per gli attaccanti del Napoli, sterili e poco pericolosi dinanzi a Sorrentino.

J.R.

Follow LAZIALITA on Social
0