IL PUNTO SUL SASSUOLO – Sesto posto costruito al Mapei, nuovo ruolo per Boateng, Ferrari l’erede di Acerbi

sassuolo-empoli-3-1-tabellino-678x381

 

di Marcello Baldi

Diciotto punti e momentaneo sesto posto in classifica: il Sassuolo di Roberto De Zerbi √® tra le note liete di questo inizio di Serie A. Oggi, ore 18:00, la Lazio sar√† ospite al Mapei Stadium di Reggio Emilia per affrontare la formazione neroverde. Partita che vedr√† il ritorno di un ex d’eccezione: Francesco Acerbi, storico capitano della formazione emiliana, oggi sar√† a difesa della porta verso la quale attaccheranno i suoi ex compagni. La Lazio, che ancora non ha conosciuto il segno X in questa stagione, ha quasi sempre vinto in trasferta (unica sconfitta, escludendo Roma-Lazio, √® quella allo Juventus Stadium).


IL MOMENTO NEROVERDE
– A Verona, contro un Chievo sempre pi√Ļ inguaiato nelle zone basse, √® arrivata la quinta vittoria stagionale. Tre i pareggi e tre le sconfitte, arrivate contro Napoli, Juventus e Milan. Tra i trionfi, quello per 1-0 contro l’Inter ad inizio campionato. Quattro vittorie su cinque sono inoltre arrivate tra le mura di casa. Kevin Prince Boateng, giunto¬†in estate¬†dopo l’esperienza non esaltante di Francoforte, ha gi√† segnato 4 reti (pi√Ļ uno in coppa). “De Zerbi? Mi chiamava anche 6 volte al giorno per venire qua… un pazzo ed un genio” ha dichiarato il ghanese ad ESPN. Retroscena di una trattativa che, al momento, sta dando i suoi frutti.

LE SCELTE DI DE ZERBI –¬†Assodato che Boateng sar√† il terminale offensivo del 3-4-3 neroverde, il resto della formazione vedr√† alcune variazioni rispetto all’ultima uscita contro il Chievo, dove De Zerbi aveva varato la linea¬†a 4. A difesa dei pali di Consigli, gli uomini scelti dal tecnico¬†dovrebbero essere¬†Marlon, Magnani e Ferrari. Lirola e Rogerio rispettivamente sulle fasce destra e sinistra, al centro l’esperienza del capitano e primatista di presenze, Magnanelli, affiancata¬†alla freschezza del giovane ma talentuoso Sensi. Esterni offensivi¬†Djuricic, preferito a Di Francesco,¬†e Berardi.

SQUADRA SENZA BOMBER – Nonostante i gol di Boateng, si pu√≤ dire che la squadra emiliana non abbia un vero e proprio bomber. ¬†Dal 2013-2014, le statistiche di Domenico Berardi sono drasticamente calate: 16 e 15 le reti totalizzate nelle prime due stagioni in Serie A, poi 7, 5 e 4 nelle ultime tre. Quest’anno sono due (pi√Ļ due in coppa), con il Chievo un clamoroso errore sotto porta ribadito poi in rete dall’autogol di Giaccherini. Anche per Di Francesco, il quale non √® mai stato abituato a segnare molto, le marcature sono due. A fare eco Babacar, mentre una sola marcatura per Djuricic.

ACERBI E FERRARI: PASSATO CONTRO PRESENTE –¬†La passata sessione di calciomercato estivo ha visto il doloroso addio del capitano Francesco Acerbi, neroverde dal 2013. Il suo erede designato, nella scorsa stagione in prestito alla Sampdoria, √® il classe ’92 Gian Marco Ferrari. Ottime prestazioni, impreziosite da 2 reti, fanno del giocatore nato a Parma¬†uno dei difensori pi√Ļ interessanti del panorama calcistico italiano. Oggi, il passato e il presente si affronteranno: prevista per Acerbi, tuttavia, un’accoglienza calorosa. Sar√† suo compito, sulle palle inattive, placare il suo erede.

 

M.B.

Follow LAZIALITA on Social
0