Le PAGELLE di Guido De Angelis: Immobile, partita da grande giocatore. Lulic immenso, la Lazio torna a vincere

86BC0988-D12E-41FD-9D53-FF24DDD1B102

 

ROMA, Stadio Olimpico – La Lazio torna a vincere, e lo fa tra gli applausi della sua gente, dopo 7 giorni di critiche e rabbia. Lo fa grazie all’immancabile gol di Ciro Immobile, che si avventa su un pallone destinato ad andare fuori, ribadendo in rete con il destro che non lascia scampo a Lafont. Come di consueto nel post-gara, arrivano le pagelle del nostro direttore, Guido De Angelis.

 

Strakosha 4 – Radu lo manda a quel paese, Inzaghi non sa come farglielo capire. È stato capace di creare una grande palla gol per la Fiorentina nel primo tempo, poi nella ripresa si è fatto ammonire col rischio dell’espulsione. Qualcuno deve lavorare su questo ragazzo che ha doti importanti, ma è lacunoso nel gestire i rinvii, mettendo in seria difficoltà la squadra stessa.

Wallace 4 – Mi dispiace perché questo ragazzo ha doti fisiche eccezionali, ma nel primo tempo e sopratutto nei primi 10 minuti della ripresa, quando Chiesa gli sgusciava da ogni parte, ha fatto un passo indietro rispetto alle ultime discrete prove (Luiz Felipe 5 – Entra al posto di Wallace, sembrava che potesse dare più sicurezza ma anche lui va in difficoltà. La Lazio si era abbassata abbastanza, cerca di evitare le scorribande di Chiesa).

Acerbi 6 – Oggi pomeriggio fa un grande lavoro per gestire la difesa, fa fatica ma non perde la testa. Riesce a ragionare sugli attacchi dei viola.

Radu 6 – Buon rientro il suo, perché dà sostanza al reparto, e quella sicurezza che manca ad altri giocatori della Lazio. La chiamano esperienza: fare le cose giuste al momento giusto.

Marusic 5 – Non gioca male, ma purtroppo è disordinato. Questo ragazzo non riesce a crescere, vorremmo tanto che crescesse, ma i segnali ancora non arrivano. Nei contrasti fa fatica, all’ultimo minuto si dimentica di coprire il suo fazzoletto di campo su una giocata che poteva essere fatale per la Lazio, lasciando l’area sguarnita.

Parolo 6 – Il giocatore non è più quello di una volta, ma quando ha palla lui, la squadra riparte discretamente. Oggi era una partita difficile per i centrocampisti, ha fatto il suo.

Leiva 6,5 – Riesce a correre dietro a tutti, quest’anno con la squadra che ancora non si ritrova come lo scorso, fa un po’ di fatica. Tuttavia, cosa possiamo dire a questo colossale giocatore di grande volontà?

Milinkovic 5,5 – Non c’è niente da fare, sbaglia passaggi che lo scorso anno gli riuscivano con una facilità estrema. Soffre insieme a tutta la squadra, soprattuto quando c’è da difnerdere, anche se lui non lo sa fare. Speriamo di rivederlo presto come una volta.

Lulic 7 – Oggi se c’è un giocatore che ha fatto salire sempre la Lazio nei continui attacchi della Fiorentina è lui. Avrà fatto 27mila chilometri, si è messo molte volte le mani sulle ginocchia, già nel primo tempo sembrava potesse crollare da un momento all’altro, e invece ha resistito fino al 95’. Senad immenso per volontà.

Caicedo 6 – Ha preso tanti applausi, è una cosa molto bella. La gente laziale ha capito che può darci una mano, ha lottato, poteva dare di più (Correa 5,5 – Non sa che in questa partita c’era solo da soffrire, non l’ha capito. Fa arrabbiare Inzaghi dalla panchina, non torna a difendere).

Immobile 7,5 РGol pesantissimo, in un momento in cui la squadra soffre riesce a fare un gol che vale oro colato. Se riesce ad andare a rete anche quando la squadra non gioca e gli offre pochi rifornimenti, significa che ̬ un grande giocatore (Berisha ng).

 

Inzaghi 7 – Ha resistito alle critiche, ha sofferto come noi. Dobbiamo tanto a questo ragazzo. Continueranno a criticarti, io continuerò a elogiarti. Grazie sempre Simone.

Follow LAZIALITA on Social