CONFERENZA – Inzaghi: “Nessun favorito, stress e fame faranno la differenza. Correa uomo derby? Conta il gruppo‚ÄĚ

FEDE9458-B227-4739-A7AF-35C6E1FECCB6

 

FORMELLO РLa Lazio si appresta ad affrontare la Roma nel derby del sabato, in programma alle ore 15:00. La settima giornata di campionato sarà colorata da due big match: la stracittadina romana e la partita tra Juventus e Napoli. Alla viglia il tecnico delle aquile, Simone Inzaghi, ha risposto alle domande dei cronisti in sala stampa.

 

Queste le dichiarazioni del mister.

 

Come si gioca e come si vince questo derby?

Sappiamo che il derby √® una partita a s√© nel campionato. Abbiamo avuto pochissimo tempo, abbiamo giocato mercoled√¨ contro l’Udinese. Questo pu√≤¬†essere un male o un bene: anche la Roma avr√† lo stesso tempo, e i giocatori avranno meno tempo di accumulare stress e tossine.

 

Credi a una Roma in difficoltà?

No, può esser un momento, Ci siamo passati anche noi durante le prime partite di campionato. Ora loro vengono da una grande vittoria col Frosinone, scenderanno in campo per fare una grande partita.

 

Che messaggio danno i 4 punti di vantaggio?

Non abbiamo iniziato nel migliore dei modi, dobbiamo dar seguito al percorso che stiamo facendo. Dobbiamo continuare, non dobbiamo fermarci. Il campionato corre velocemente, ora il distacco di 4 punti vuol dire poco.

 

Quanto vale il derby per le ambizioni della Lazio?

A prescindere dalle ambizioni, questa partita è importantissima per noi e per i nostri tifosi. Incontreremo una grande squadra, la differenza può farla la gestione dello stress e la fame che riusciranno ad avere i miei ragazzi. Un derby bisogna giocarlo con grandissima fame, dovremo cercare di portare a casa la vittoria.

 

Che gara ti aspetti dalla Roma?

Abbiamo analizzato le ultime due partite contro Bologna e Frosinone, siamo pronti ad afforntarli, qualsiasi modo scelgano.

 

√ą pi√Ļ¬†forte il timore delle conseguenze di una sconfitta o l’entusiasmo che potrebbe portare la vittoria?

Vincere per noi sarebbe una grandissima cosa, darebbe seguito ai nostri risultati. Darebbe¬†molta autostima. √ą presto per fare bilanci, la Roma √® passata in un periodo buio ora,¬†noi abbiamo avuto un momento¬†del genere a inizio campionato. 4 punti di vantaggio non significano nulla ora.

 

Come stanno Radu e Luiz Felipe?

Fermo restando che manca l’allenamento¬†di oggi, dovremmo avere tutta la rosa disponibile. Radu ha avuto buone sensazioni, Luiz Felipe mancava dal 18 agosto contro il Napoli. Ha dato¬†ampie garanzie, poi l’ho sostituito a un quarto d’ora dalla fine per un principio di crampi.

 

Lo scorso anno aveva sottolineato un gap tecnico tra Lazio e le avversarie. Crede che si sia colmato?

Sulla carta probabilmente è rimasto, ma noi vogliamo azzerarlo. Sono convinto della mia Lazio, abbiamo inserito giocatori importanti, sarà la terza partita in sei giorni e vivremo la possibilità di fare la rotazione. Ho bisogno di utilizzare tutti gli elementi della rosa.

 

Un commento sulla designazione arbitrale...

Penso che Rocchi per queste partite sia una garanzia, ha gi√† arbitrato altri derby, ha arbitrato l’ultimo Mondiale. Far√† in modo che lo spettacolo sia ancora migliore.

 

La Lazio parte favorita?

Favoriti nel derby non ce ne sono. I pronostici sono sempre stati ribaltati. La fame e la gestione dello stress faranno al diffenreza. Non credo che sia giusto dare un favorito prima del derby.

 

Cosa si prova dietro dalle sfide dello scorso anno?

So quanto è difficile allenare qui nella capitale, ho stima di Di Francesco. Dà organizzazione alla propria squadra, hanno un allenatore bravissimo. Ha avuto la fortuna di essere giocatore, ed è facilitato nel compito di allenatore, così come lo sono io.

 

Per la Lazio il derby è la partita della vita?
Penso che sia una partita a parte, gi√† dal ritiro di Auronzo i tifosi aspettano il derby. L’ultimo derby √® finito 0-0, √® stato un ottimo derby. Venivamo da due momenti differenti: noi dalla¬†sconfitta di Salisburgo, loro avevano eliminato il Barcellona. I ragazzi conoscono l’importanza¬†del derby per noi, la societ√† e per i nostri splendidi tifosi.

 

√ą cambiato qualcosa nella preparazione dei derby cambiando le vesti da giocatore a quelle da allenatore?

Questo credo sia il derby con meno stress da accumulare. Lo prepareremo nel migliore dei modi, senza perdere energie mentali. La differenza la farà la fame.

 

La fase critica della Roma ti preoccupa? Pu√≤ essere pericolosa¬†l’aggressivit√† della Roma?

Sappiamo che sono organizzati e aggressivi. Dovremo essere bravi nella gestione della palla. Dovremo fare attenzione perché partite del genere si decidono su singoli episodi. Dovremmo girare gli episodi a nostro faovre.

 

Hai parlato con Pippo?

Sono riusciti a battere la semifinalista di Champions, il Bologna¬†ha fatto un’impresa. Abbiamo analizzato le partite contro Bologna e Frosinone, siamo pronti a fronteggiare entrambi gli schieramenti.

 

Hai detto che sarà importante recuperare energie. Come sta la squadra?

Bisognerebbe parlare dopo l’allenamento di oggi, devo parlare con i ragazzi. Ho avuto conferme ieri da chi non ha giocato a Udine. Sulla carta l’unico indisponibile sar√† Lukaku, ma c’√® da valutare un¬†allenamento intenso come quello di oggi.

 

Correa √® l’uomo per mettere in difficolt√† la Roma?

Penso che tutti gli uomini che ho possono essere uomini derby. Il singolo non vince i derby, è il gruppo che li vince. Io ho un grande gruppo.

 

Quanta è la voglia di vincere il derby dopo lo scorso anno? Quanto può darvi una vittoria?

Vincere un derby significherebbe tanto. Per noi, per i nostri tifosi, per la societ√†. Pu√≤ darci una spinta in pi√Ļ. Penso che siamo gli unici ad aver battuto lo scorso anno la Juventus, nei due derby abbiamo perso 2-1 e pareggiato 0-0 dopo aver passato il brutto momento¬†di Salisburgo.

 

Cosa temi di pi√Ļ della Roma dal punto di vista tattico? La Roma √® alla paro con la Lazio?

La Roma ha fatto dei cambiamenti, ha perso giocatori importanti, ha acquistato giocatori altrettanto¬†forti. Ci √® passata la Roma¬†in questo periodo difficile, cos√¨¬†come ci¬†siamo passati noi. Temo il singolo, il gruppo, ma soprattutto l’allenatore che hanno. Nonostante era¬†il primo anno, gi√† la scorsa stagione si √® vista l’organizzazione che sa dare.

 

Si sente di fare un appello ai tifosi?

Io penso che poi alla fine i nostri tifosi risponderanno come sempre. Mi viene in mente la trasferta di Empoli, siamo arrivati lì e abbiamo trovato oltre 2000 laziali ad aspettarci. In questi 20 anni i tifosi della Lazio non hanno mai tradito. Anche domani ci faranno sentire a casa.

 

 

 

Follow LAZIALITA on Social
0