Le PAGELLE di Guido De Angelis: de Vrij tra i migliori, Milinkovic si accende nel finale. Pesano gli errori di Caicedo e Strakosha

Schermata 2018-05-13 alle 17.43.38

 

STRAKOSHA 4,5 – Su un cross lento e alto di Barberis non esce bene, sbaglia completamente la scelta e subisce¬†il gol da Ceccherini (assistito anche dall’errore di Milinkovic). L’errore pesa, e tanto, sul risultato finale.

WALLACE 5,5 РNon fa male. Il problema è che è insicuro. Si vede quando porta palla, nelle decisioni che deve prendere. Fa la sua parte, ma la prestazione non è tale da meritare la sufficienza.

DE VRIJ 6,5 РUno dei migliori in campo, non sbaglia un colpo. Sempre attento, salva sulla linea di porta il tiro calciato da Rodhen che avrebbe potuto chiudere la partita col 3-1.

RADU 6 – Dopo l’ammonizione non √® il solito difensore. Si vede che √® un giocatore che ha timore in seguito al giallo preso, infatti Inzaghi lo toglie all’inizio della ripresa¬†(CACERES 6 – Entra bene, non fa errori).

BASTA 5,5 – Niente di che la sua gara oggi. Non affonda sulla destra, non si ricordano delle giocate importanti (NANI 4,5 – Mi dispiace dirlo, ma √® un giocatore che pensa ancora con la mente di saltare l’uomo, ma poi non riesce a farlo¬†in maniera pratica.¬†Si vede che il ragazzo si impegna, purtroppo, per√≤¬†non riesce a dare quello che vuole).

MURGIA 6 – √ą condizionato anche lui dall’ammonizione, ma non fa male. Si propone in avanti, cerca di dare una mano a Leiva (PATRIC 4,5 – Si nota la differenza tra i titolari e coloro che non lo sono. Con tutto il rispetto del giocatore, a cui va fatto un plauso per l’impegno costante, con questi calciatori non si pu√≤ andare in Champions League. Emergono i limiti suoi e del resto della panchina).

LEIVA 6,5 – Giocare con la diffida sulle spalle non √® facile: sa che ogni intervento pu√≤ essere pericoloso. √ą fondamentale la sua presenza nel sostegno del centrocampo.

MILINKOVIC-SAVIC 6,5 – Non mi √® piaciuto nel corso della gara, ma realizza un gol bello e importante. Un’incomprensione con Strakosha lo porta a lasciare libero Ceccherini, poi il serbo esce nell’ultimo quarto d’ora, quando con qualit√† e grinta si porta la squadra sulle spalle: prima con la rete, in seguito con due colpi di testa interessanti

LULIC 6,5 РInstancabile, anche oggi è il solito inesauribile Lulic. Nonostante non abbia i piedi di Luis Alberto o Anderson, la sensazione è che possa sempre accadere qualcosa quando lui è in possesso del pallone.

FELIPE ANDERSON 6,5 – A volte ha delle pause che possono dare fastidio, √® vero. Tuttavia le¬†ripartenze sono state tutte portate avanti da lui, che serve a ripetizione cross in mezzo. Altra cosa √® vincere le partite da solo: se poi ad ogni cross, c’√® Caicedo in area di rigore, l’efficacia della giocata √® diversa.

CAICEDO 4,5 РPrende la traversa, ma tutti lo dimenticheranno. O meglio, verrà ricordato per il tiro sbagliato a fine primo tempo, quando di fronte a Cordaz temporeggia e prova un mezzo-pallonetto assolutamente inefficace. Rovina quanto di buono fatto domenica scorsa e durante la gara di oggi (poco).

 

INZAGHI 8 – Per quello che si ritrova in panchina, fa quello che pu√≤. Nei cambi si arrangia con¬†ci√≤ che gli rimane. Il risultato dell’Inter non deve farci cambiare pensiero: tutti sapevamo che l’ultima giornata sarebbe stata decisiva. Poteva cambiare qualcosa nelle ultime ore, non √® stato cos√¨, quindi tutto √® come prima: domenica avremo il destino tra le mani. Dipende dalla Lazio, dalla gente che verr√† allo stadio: chi ci crede, faccia il biglietto, gli altri possono anche¬†non venire¬†all’Olimpico.

 

Follow LAZIALITA on Social
0