Inzaghi: “Domani Lulic out, Milinkovic da valutare. Questa Lazio si sta superando, la classifica è bugiarda. Testa al Bologna, ma attenti al Salisburgo…”

Inzaghi conf 201718

FORMELLO – Dopo il passaggio del turno in Europa League, la Lazio dovrà affrontare il Bologna nel posticipo della ventinovesima giornata Serie A. Sarà l’ultimo sforzo dei biancocelesti prima della sosta dovuta agli impegni delle nazionali, che potrà permettere a parte della rosa di Inzaghi di rifiatare in vista degli ultimi mesi ricchi di impegni tra campionato e coppa. Alla viglia del match contro i rossoblu, il tecnico ha risposto alle domande dei cronisti giunti in sala stampa.

 

Queste le dichiarazioni del mister.

 

Quanto ha ricaricato le batterie della squadra la brillante vittoria di giovedì?

Meritavamo i quarti, era un nostro obiettivo fin dalla prima partita. Abbiamo fatto una gara di grandissima personalità a Kiev. Per passare il turno dovevamo fare un qualcosa di straordinario, visto che la Dinamo non aveva mai perso a Kiev. Dopo i primi 20 minuti ero tranquillo.

 

Come vivi tu settimanalmente la situazione legata al VAR?

Penso che gli episodi siano sotto gli occhi di tutti, ma noi dobbiamo guardare al futuro, sperando di fare una partita giusta col Bologna. Hanno un allenatore molto bravo, faranno di tutto per renderci la partita difficile.

 

Sei d’accordo con Tare quando dice che vi mancano 12 punti?

La nostra classifica è bugiarda, sicuramente ci mancano dei punti, siamo stati rallentati da episodi che sono sotto gli occhi di tutti. È uno stimolo per migliorare ulteriormente la classifica, sappiamo che tutto dipenderà da noi.

 

Nani non riesce a inserirsi nel gruppo…

Quando Immobile, Luis Alberto e Felipe Anderson saranno più stanchi, allora potrebbe giocare di più. Sta facendo bene, come Caicedo.

 

Che differenza c’è tra questa Lazio e quella di Cragnotti?

Sono due bellissime Lazio, questa si sta superando. Vogliamo continuare a migliorarci e a proseguire così. Rimanere in campionato a competere con squadre costruite differentemente da noi, ed essere nelle migliori otto di Europa ci dà orgoglio. Onore a questi ragazzi che lavorano da squadra, si mettono tutti a disposizione del gruppo. Come ho detto prima, però, mancano ancora due mesi e mezzo, domani dovremo mettercela tutta.

 

C’è qualche problema per Lulic? Come sta Milinkovic?

Sì, Lulic ha avuto qualche problemino fisico, domani sera sarà out sicuramente. Domani valuteremo se convocare o meno Milinkovic, il problema che ha lo sentiva anche questa mattina. Decideremo con lo staff se inserirlo o meno nei convocati di domani dopo il risveglio muscolare della mattinata di domani.

 

Leiva è uno centrocampisti più forti della storia della Lazio? Poteva stare nella squadra scudetto?

Penso di sì, ha avuto un ambientamento lampo. Le qualità del giocatore erano fuori discussione, il problema è che venire in Italia dopo 10 anni vissuti in un altro campionato non è semplice. Leiva è stato bravissimo, è un giocatore che vuole sempre capire le cose, chiede spiegazioni all’allenatore. Si è inserito al meglio nella Lazio.

 

Può essere una soluzione definitiva quella di mettere insieme Felipe Anderson e Luis Alberto?

L’altra sera secondo me hanno fatto una grandissima partita. Immobile e Felipe non hanno segnato. Quest’anno Ciro ha fatto 34 gol, al di là della rete mancata l’altra sera, gli ho fatto i complimenti. Luis Alberto ha talmente tanta qualità che può giocare sia da seconda punta, che da trequartista o da mezzala.

 

Come vivi la manifestazione di domani dei tifosi?

Ho sentito e mi hanno riferito della manifestazione, penso sarà pacifica ed educata, in stile Lazio.

 

Un commento sul Salisburgo…

Ci penseremo a tempo debito, la mia testa è solo al Bologna. Andrei piano però sul Salisburgo, perché non perde da 33 partite, tra campionato e coppa; inoltre ha eliminato Borussia Dortmund e Real Sociedad. Non perdono in casa dal novembre 2016. Ora la testa, ribadisco, è solo al Bologna.

 

 

 

 

 

Follow LAZIALITA on Social
0