CLASSIFICA – Il Milan affonda la Roma e vola. Lazio e Inter salgono, prossimo turno da brividi…

 

curva nord-6

 

 

di Niccolò Faccini

 

 

Si √® chiusa con la vittoria del Milan a Roma la domenica di campionato, ma non la 26ima giornata, che √® terminata col botto: il Napoli strapazza il Cagliari alla Sardegna Arena con uno 0-5 clamoroso nelle dimensioni ma pienamente meritato. I partenopei vanno subito avanti con un gran gol di Callejon alla mezz’ora, poi raddoppiano con Mertens prima dell’intervallo e chiudono il match gi√† al quarto d’ora del secondo tempo grazie ad una gemma di Marek Hamsik. Ad arrotondare il punteggio pensano Lorenzo Insigne su calcio di rigore e Mario Rui al 90′ su chirurgico calcio di punizione. Una batosta severa per i padroni di casa, mai in partita pienamente nella serata. Il +4 sulla seconda Juventus √® tuttavia del tutto provvisorio: la Juventus¬†non ha disputato la gara casalinga con l’Atalanta a causa della tempesta di neve che si √® abbattuta sul Piemonte (e su gran parte dell’Italia). Burian ha fermato la Vecchia Signora, il vento siberiano ha avuto la meglio e la sfida √® stata ufficialmente rinviata a¬†data da destinarsi. La gara tra bianconeri e la banda di Gasperini sar√† comunque verosimilmente recuperata tra¬†il 13 ed il 14 marzo. La zona Champions sembra non avere padroni: la Roma cade, come detto, in casa ed il tonfo fa parecchio rumore. Il Milan vince 2-0 all’Olimpico con le reti di Cutrone e Calabria e raggiunge quota 44 in graduatoria, dimostrando una compattezza e una solidit√† difensiva notevole. I giallorossi rimangono a 40, al quinto posto. L’Inter di Spalletti aveva vinto invece nell’anticipo col Benevento (2-0 grazie a Skriniar e Ranocchia) raggiungendo cos√¨ il quarto posto in virt√Ļ dei 41 punti totalizzati ad oggi, uno in meno della Lazio di Inzaghi, che in 50 minuti liquida la pratica Sassuolo e torna con 3 punti importanti da Reggio Emilia. Prima Milinkovic Savic, poi Immobile e infine ancora il serbo vanno a mettere il sigillo su una gara dominata in lungo e in largo e caratterizzata da prodezze e giocate di fino: troppo appannati i neroverdi per creare reali pericoli alla porta di Strakosha, che si conferma baluardo certamente non inespugnabile ma difficile da far crollare.¬†Torna alla vittoria la Sampdoria di Giampaolo, che batte l’Udinese al Marassi grazie ad un¬†capolavoro¬†di Duvan Zapata (2-1 il finale) ed √® a pari punti col Milan. Perde infine il Torino: a Verona √® affondato dalla doppietta di Valoti, che rende inutile la rete del momentaneo 1-1 di Niang; mentre la Fiorentina sconfigge il Chievo grazie ad un gioiello di Biraghi. Il prossimo turno sar√† fondamentale a livello di classifica: si affronteranno 6 delle prime 7 del campionato:¬†apriranno Lazio-Juventus e Napoli-Roma, chiuder√† il derby Milan-Inter, con la Samp che andr√† a Bergamo, campo che recentemente le ha spesso portato fortuna. La corsa Champions √® aperta, apertissima.

N.F.

Follow LAZIALITA on Social
0