Lazio, da Piazza della LibertĂ  a New York: tutto pronto per i festeggiamenti

festa

ROMA – C’è un’invisibile filo biancoceleste che unisce Piazza della LibertĂ , Ixelles e Manhattan. Ritrovarsi per aspettare il compleanno della Lazio allo scoccare della mezzanotte è un rito che non conosce confini. Roma, Bruxelles e New York, divise dai chilometri, ma unite nella lazialitĂ . Nel quartiere Prati, sulla sponda destra del Tevere, dove tutto nacque il 9 gennaio del 1900, centinaia di tifosi questa sera attenderanno il 118esimo anniversario del club. In Belgio, dove giace Luigi Bigiarelli, uno padri fondatori, non mancheranno iniziative per celebrare un simile traguardo.

USA E AUSTRALIA – Oltre Oceano, nella Grande Mela, il Lazio Club intitolato a Giorgio Chinaglia sfiderĂ  il freddo polare e festeggerĂ  con un po’ di ritardo dovuto al fuso orario. Il conto alla rovescia del movimento biancoceleste, con le sue 70 sezioni, i rispettivi atleti e sostenitori, è iniziato. «Assistiamo ad un prodigio – rivela Antonio Buccioni, presidente della Polisportiva Lazio -, nove ragazzi nel 1900 gettarono il seme, e il raccolto non si è esaurito. Anzi è piĂą rigoglioso che mai con nuove sezioni che potrebbero unirsi e con un sentimento che ha confini planetari. A Canberra, in Australia, è nato un nuovo Lazio Club».

DERBY – Non è vero che l’Epifania tutte le feste si porte via. In casa Lazio ci sono tanti motivi per brindare. La Befana è stata particolarmente benevola. Mister Inzaghi nella calza ha trovato la vittoria per 5-2 sulla Spal, il quarto posto in classifica, superando la Roma ora quinta, e un Ciro Immobile in vetta all’elenco dei cannonieri con 20 gol. Risultati importanti, che hanno scatenato l’ironia del web. In molti hanno postato sui social un frame del film “Il sorpasso”, con Immobile e Inzaghi sostituiti agli attori Jean-Louis Trintignant e Vittorio Gassman alla guida della Fiat 2300 S CoupĂ©. Un fotomontaggio ad hoc per celebrare lo scatto in classifica. Innumerevoli le vignette satiriche con Monchi, Nainggolan e Totti. Altri ancora hanno utilizzato la metafora dell’eclissi per sottolineare l’avanzamento in graduatoria della Lazio ai danni dei giallorossi. Così mentre i giocatori si godono un po’ di relax durante la sosta, lo sfottò biancoceleste non conosce pause.

Valerio Alessandro Cassetta / Il Messaggero

Follow LAZIALITA on Social