Le PAGELLE di Guido De Angelis: “Non ho mai visto una cosa del genere, una delle pagine più nere del calcio italiano. Il campo? Luis Alberto straordinario”

Schermata 2017-12-12 alle 00.22.47

 

ROMA, Stadio Olimpico – Dopo i primi 45 minuti di gioco, non c’è tanto da parlare al livello di moduli, cambi o tatticismi. Il calcio e il campo hanno lasciato spazio a errori clamorosi della sestina arbitrale che hanno indirizzato la partita. Poco male (si fa per dire), se fosse la prima volta, o un caso; ma come ripetuto anche dalla società sportiva Lazio nella persona di Arturo Diaconale, la direzione è stata nel segno della malafede, arrivando, per i capitolini, alla quarta domenica con episodi arbitrali che hanno penalizzato la squadra. Il protagonista di oggi, purtroppo, è rappresentato da Giacomelli, dal Var e dalla rabbia del pubblico laziale, in seguito alle decisioni del fischietto triestino. Come di consueto a margine della gara, arrivano le pagelle del nostro direttore, Guido De Angelis.

 

STRAKOSHA 5,5 – Prende tre reti purtroppo e il voto non può essere sufficiente.

BASTOS 6 – Non commette grandi errori (BASTA ng ).

DE VRIJ 6 – Prova a tenere botta in una partita che ha dell’assurdo.

RADU 7 – Giocatore straordinario, non ha mai perso la testa. Ancora un’altra grande prova.

MARUSIC 6 – Spinge, fa bene nel primo tempo (FELIPE ANDERSON 5,5 – È vero che è alla sua prima in campionato ma non incide).

PAROLO 5 РOggi serviva altro, Parolo non ̬ quello di Genova.

LEIVA 6,5 – Tiene bene a centrocampo, sfiora la rete a inizio secondo tempo (CAICEDO 5 – Non si muove, Inzaghi lo mette per far salire la squadra e creare occasioni; ma senza successo).

MILINKOVIC-SAVIC 5 – Nel secondo tempo doveva essere più incisivo, invece si lascia andare a qualche leggerezza di troppo.

LULIC 6 – Solita abnegazione, Sirigu gli nega la gioia del gol con una gran parata su un tiro di mancino al volo.

LUIS ALBERTO 7 – Straordinario giocatore, il più forte che abbiamo. L’unico che non ha mai perso la testa. Il gol è bellissimo, speriamo siano solo crampi a farlo uscire anzitempo dal campo.

IMMOBILE 6 – Gli dice male, prende un palo, si danna l’anima per muovere la difesa granata. Poi si procura un rigore netto, ma Giacomelli vede altro. Il rosso è una punizione eccessiva, che segna il suo momento negativo.

 

INZAGHI 6 – Forse Simone doveva consigliare ai ragazzi di giocare con più calma nel secondo tempo, la Lazio voleva recuperare qualcosa levatole dall’arbitro. C’è poco da dire però, dopo una serata così.

 

GIACOMELLI – Non giudicabile. Preferisco evitare commento ad arbitro e persona; non ho mai visto una cosa del genere, nonostante ci fosse il Var. Questa è una delle pagine più nere del calcio italiano. Senza parole.

 

 

FOTO: Fraioli

Follow LAZIALITA on Social