Inzaghi: “Abbiamo faticato tanto per stare lassù, oggi ce l’hanno fatta perdere. Quarta domenica di seguito che accade una cosa del genere, non so cosa dire ai miei ragazzi”

232458667-ff4d038b-c9a8-46cc-be09-34bc81523b20

di G. Jacopo Romagnoli

ROMA – La Lazio cade dinanzi al proprio pubblico contro il Torino, ma a far più male non è tanto la sconfitta, ma soprattutto l’arbitraggio, ai limiti dello scandaloso. L’espulsione di Immobile ha fatto girare definitivamente la partita, innervosendo terribilmente i ragazzi di Inzaghi. La decisione del var è sembrata singolare sin da subito, si è passati da un rigore nettissimo negato ai biancocelesti, all’espulsione esagerata del bomber napoletano. Ancora una volta a fermare la corsa biancoceleste sono stati dei dubbi episodi arbitrali. A margine di Lazio-Torino, il mister delle aquile, Simone Inzaghi, ha parlato in sala conferenze nella pancia dell’Olimpico. Queste le sue dichiarazioni.

 

Difficile fare una disamina tecnica rispetto a quanto è successo…

“La disamina tecnica è del primo tempo. Non è stata una delle migliori prime frazioni; abbiamo avuto due tre situazioni buone, Immobile ha preso un palo. Avremmo potuto vincere la gara, nonostante avessimo davanti un buon Torino. A fine primo tempo la squadra si è sentita derubata, e nonostante io abbia provato a forzare i cambi abbiamo perso. Con il problema di Luis Alberto abbiamo chiuso in nove”.

 

Perché hai cambiato subito i calciatori?

“Volevo passare alla difesa a 4; la palla non è uscita e abbiamo preso gol su un rimpallo. Avevo visto già nello spogliatoio che la partita l’avremmo persa. È la quarta domenica di fila che vediamo le immagini nello spogliatoio; per me è difficile raccontarlo alla squadra: alla prima e alla seconda gliela spieghi, alla quarta volta non sono riuscito”.

 

Giusto da parte tua non far creare alibi alla squadra, ma questa sera sembrano aver capito tutti chi finirà tra le prime quattro…

“Sarà la più tosta di settimana da allenatore qua alla Lazio; è la quarta settimana di fila che succede una cosa del genere. Ho visto tre partite tra sabato e ieri, hanno sempre lasciato andare gli assistenti senza alzare la bandierina; oggi hanno segnalato subito i fuorigioco. Stasera ce l’hanno fatta perdere; con chi me la prendo io, con Di Bello, con Giacomelli? Ce l’hanno fatta perdere, questo posso dire”.

 

Hai la sensazione che non sia più casuale? Ti senti vittima di un qualcosa che va oltre un errore?

“È difficile parlare con i giocatori; partiamo dal derby; l’intervento di Bastos è scomposto, ma ancora non si capisce se il contatto ci sia o meno. L’arbitro mentre vede il nostro rigore cerca un fuorigioco e poi finalmente lo concede; contro la Fiorentina c’è un rigore netto su Parolo e un penalty inventato al 94esimo con Caicedo di mezzo; andiamo a Genova e sull’1-1 c’è rigore netto per un fallo di mano accanto a Immobile, poi siamo bravi, vinciamo e dopo il gol di Caicedo cercano un fuorigioco. Oggi c’è un rigore clamoroso che lo stesso arbitro a Torino ce lo ha concesso contro, facendo finire la partita 2-2, lo stesso arbitro (Giacomelli, ndr) non vede una stessa situazione stasera. Viene espulso Immobile dopo che Burdisso ha detto anche a me “abbiamo tutti chiarito, non c’è niente”; tutti eravamo convinti che fosse rigore, e che fosse andato al monitor per vederlo. Invece non ce lo hanno concesso e ci buttano fuori un uomo. Capisco che possa essere difficile, giochiamo subito giovedì, poi domenica avremo una partita importantissima contro l’Atalanta. Dobbiamo continuare a fare in modo di stare lassù, di poterci rimanere, abbiamo faticato tanto per stare lì”.

J.R.

Follow LAZIALITA on Social
0