CLASSIFICA – La Lazio raggiunge la Juve, l’Inter si avvicina al Napoli. E nel prossimo turno Sarri e Spalletti si sfidano al San Paolo…

 

curva nord-6

 

 

 

di Niccolò Faccini

 

 

 

L’exploit è umano, perseverare in positivo è forse diabolico o forse semplicemente segno di grande forza. L’ottava giornata di Serie A regala verdetti più che mai inaspettati. La Lazio di Inzaghi, dopo aver vinto la Supercoppa Italiana ad agosto, lo ha fatto di nuovo! La banda biancoceleste espugna l’Allianz Stadium, condanna la Juventus alla seconda sconfitta nel giro di due mesi contro i capitolini e si candida al ruolo di sorpresa assoluta del campionato in corso. Si citi un dato che sia uno: la Juventus non perdeva in casa da 782 giorni, con l’ultima squadra ad imporsi che fu l’Udinese. I biancocelesti raggiungono gli uomini di Allegri a quota 19 punti in classifica in virtù di una prestazione fantastica e di un’impresa titanica che avrebbe potuto essere macchiata al fotofinish per una sciocchezza di Patric che commetteva fallo da rigore. Ma il penalty a favore della Juventus – ultima giocata del match – è stato neutralizzato dal portiere Strakosha che ha mandato in visibilio il settore ospiti dell’Allianz Stadium, che si è goduto le firme di Ciro Immobile prima su assist di Luis Alberto e poi su calcio di rigore guadagnato a seguito di un filtrante di Milinkovic Savic. Sale anche l’Inter, che batte il Milan (tripletta di Icardi) nel derby (3-2 finale) e vola a quota 22, a soli due punti dal Napoli che vince a Roma ed è a punteggio pieno (24 su 24), lasciando i giallorossi a quota 15 (in attesa del match da recuperare contro la Sampdoria). All’Olimpico lo 0-1 è firmato Lorenzo Insigne al minuto 20, col risultato finale che avrebbe potuto essere più rotondo se gli azzurri fossero stati più precisi nell’ultimo passaggio. Perde l’Atalanta, che va in vantaggio al Ferraris di Genova contro la banda di Giampaolo ma si fa rimontare nella ripresa: al gol di Cristante replicano Zapata, Caprari e Linetty: Samp a 14 e orobici che rimangono a quota 9. Il derby emiliano tra Bologna e SPAL vede protagonisti Poli e Antenucci, un calciatore per parte, se non fosse che l’altra rete porta la firma di Salamon nella porta sbagliata: è 2-1 per i padroni di casa che respirano. Rocambolesca e piena di capovolgimenti di fronte la partita della Sardegna Arena tra i padroni di casa del Cagliari ed il Genoa: Galabinov e Taarabt sembrano indirizzare chiaramente il match a vantaggio del Grifone, ma il cuore dei sardi prevale e così Pavoletti trova il canonico gol dell’ex, poi Luca Rigoni fa 1-3 ma il finale è concitato perché Joao Pedro su rigore riapre tutto a 10′ dalla fine. Finisce con il colpaccio dei liguri una tra le gare più spettacolari di giornata. Non da meno la sfida dello Scida tra Crotone e Torino, che si dividono la posta in palio: apre Rohden, pareggia Iago Falque ad inizio ripresa, Martella riporta avanti i calabresi ma al 92′ Lorenzo De Silvestri rimette le cose a posto e scrive il 2-2 finale. Parità tra Sassuolo e Chievo che non si fanno male al Mapei Stadium (-0), mentre lo scontro salvezza del Bentegodi tra Hellas e Benevento se lo aggiudicano gli scaligeri grazie ad una rete di Romulo. Infine, al Franchi la Fiorentina regola l’Udinese: decide una doppietta dell’ex Cyril Thereau che non ha pietà dei friulani, condannati al k.o. nonostante Samir avesse riacceso le speranze col gol che dimezzava lo svantaggio bianconero al 72′. Il prossimo turno vedrà la Lazio opposta al Cagliari all’Olimpico, mentre la Juventus sarà impegnata ad Udine, con il big match tra Napoli ed Inter che potrebbe essere un’occasione da non farsi scappare per le inseguitrici. Di seguito la classifica attuale della Serie A.

Napoli 24

Inter 22

Juventus e Lazio 19

Roma 15*

Sampdoria* e Bologna 14

Torino 13

Chievo e Milan 12

Fiorentina 10

Atalanta 9

Udinese, Cagliari e Crotone 6

Genoa e SPAL e Sassuolo 5

Verona 3*

Benevento *

*una partita in meno

 

N.F.

Follow LAZIALITA on Social
0