Pizzul: “La Lazio ha le carte in regola per stare nei primissimi posti. Immobile mi ricorda D’Amico”

 

pizzul_e

Bruno Pizzul, noto telecronista sportivo, ai microfoni di Radio Incontro Olympia ha parlato di Lazio e di tanti altri temi: “Io sono sempre stato fin troppo ottimista nei confronti della Lazio. Non è mai stata indicata fra le favorite. Dicevano tutti massimo terzo posto. Alla luce di quanto fatto nello scorso campionato e nella capacità d’intercettare giovani bravissimi e promettenti, ha tutte le carte in regola per restare agganciata ai primissimi posti. La Lazio ha la singolare qualità di combinare l’utile con il bello. Var? Ci voleva un ausilio di carattere elettronico per eliminare situazioni non più accettabili. L’intervento dovrebbe arrivare con una svista arbitrale macroscopica. Per errori che si vedono e non si vedono sarebbe meglio soprassedere. Abbiamo visto gol annullati per fuorigiochi che c’erano e non c’erano. Li, anche in linea con la precedente indicazione di non alzare la bandiera nei casi dubbi, bisognava non esasperare la questione. Immobile? Difficile fare confronti. Ha delle qualità che, seppur non comparabili con la rapidità d’esecuzione, si possono assimilare con quelle di Vincenzo D’Amico. Coppa delle Coppe? Ricordo che era rimasto piacevolmente impressionato anche Fabio Capello. Era molto prodigo di buone parole verso la Lazio. Quella squadra aveva tutto per fare quello che ha fatto. Anzi, qualcosina in più in campionato poteva ottenere. Inzaghi, accolto con qualche riserva ha grandi meriti. La sensazione è che lui sia allenatore che le sue scelte le fa in stretta comunione con i giocatori. Tanti allenatori del passato, a cominciare da Nereo Rocco, avevano una specie di commissione interna. Lo stesso Maestrelli“.

Follow LAZIALITA on Social