Inzaghi: “Bello vivere giornate del genere, prova magistrale da parte nostra. Sarà una stagione difficile, Luis Alberto ci sta dando grandi soddisfazioni”

Conf PostPartita

 

ROMA, Stadio Olimpico – Serve una gara sopra le righe. Questo aveva chiesto Inzaghi alla vigilia del match contro il Milan, e, passati i 90 minuti di gioco possiamo dire che la squadra ha seguito il suo allenatore. Quattro reti ai rossoneri, una prestazione più che convincente, una Lazio formato Supercoppa che rispolvera una prestazione, se possibile, ancora migliore rispetto a quella vista un mese fa contro i bianconeri.

 

Queste le dichiarazioni del mister.

Oggi esci contento per aver visto una grande Lazio…

Penso sia stato un piacere vedere la squadra, questa mattina ero dipaiciuto a sentire che la partita poteva essere rinviata. Avevamo lavorato bene negli ultimi 3 giorni, eravamo pronti. È stato bello vivere una giornata del genere, non dimentichiamoci che la Lazio ha battuto Juve e Milan giocando due partite magistrali, non erano sotto tono Milan e Juventus.

 

Come l’hai preparata?

Tolti i primi 10-12 minuti, in cui facevamo un pochino di fatica, poi abbiamo condotto la partita con pieno merito. Abbiamo tolto tutte le linee di passaggio al Milan, mi sarebbe piaciuto anche il quinto goal di Lukaku, visto che se lo meritava.

 

Qual è la situazione di Wallace?

Dobbiamo valutarlo domani, speriamo non sia nulla di serio, in ottica delle tante partite ravvicinate sarebbe una grande perdita.

 

È arrivato il momento di dire che la Lazio può puntare alla Champions?

Noi vogliamo rimanere nella parte alta della classifica, io prima della Supercoppa ho sentito che la Lazio non era considerata tra le prime dieci squadre in classifica, ora verrà collocata tra le prime 8. Sappiamo che quest’anno sarà difficile, avremo sempre poco tempo per preparare le partite, dovremo provare ad allenarci giocando; dovrò cambiare qualche uomo cercando di non subire infortuni.

 

Col 3-4-2-1 hai battuto Milan e Juventus, oltre alla Roma nello scorso anno? Come sta Radu?

Radu ha avuto i crampi; avevo tolto Lulic perché era ammonito, e avrei levato Parolo che aveva preso anche lui il giallo, ma sono stato costretto a sostituire Radu. L’interpretazione è la cosa che conta di più, è chiaro che ora avendo due seconde punte con qualità, questo è il modulo più adatto a noi.

 

Tutto quello che tocca Luis Alberto diventa oro…

È stata un’intuizione del ds Tare, che ci ha sempre creduto. Poi è toccato al giocatore, che dopo un inserimento difficile ci sta dando grandi soddisfazioni, anche grazie a lui abbiamo compiuto due mezzi miracoli contro Juve e Milan. È un nostro valore aggiunto.

 

Hai incrociato Biglia?

Ci siamo salutati prima della partita, gli ho detto che da lunedì sarò il suo primo tifoso, perché se lo merita. Nell’anno più sette partite svolte con me mi ha dato sempre gran disponibilità e qualità. È il migliore in Europa nel suo ruolo.

 

Cosa è cambiato nella testa dei giocatori?

Siamo stati bravi, con le grandi squadre abbiamo fatto bene l’anno scorso: non dimentichiamoci che abbiamo vinto con l’Inter a Milano, e battuto la Roma tre volte.

 

Follow LAZIALITA on Social