Garlini: “Con la Juve bene Alberto e Leiva. Stessa mentalità domenica con la Spal”

Luis.Alberto.Lazio.Douglas.Costa.Juve.duello.2017.750x450

Intervenuto ai microfoni di Lazio Style Radio, l’ex attaccante della Lazio OlivieroGarlini ha analizzato la vittoria contro la Juventus di Massimiliano Allegri sottolineando però come la Lazio debba fare attenzione a non far si che il troppo entusiasmo penalizzi la sfida contro la Spal di domenica prossima:

“C’è da fare un monumento ad Inzaghi per la vittoria di domenica scorsa. La squadra l’ha ascoltato e meglio di così non poteva andare; tutti hanno creduto di poter conquistare la vittoria fino all’ultimo minuto e così è stato. Dal punto di vista tecnico e fisico, i biancocelesti hanno dimostrato di stare meglio della Juventus. Sul 2-2 c’è stata una grande reazione. Il risultato è giusto.

Tutti i calciatori hanno dato il loro apporto dal punto di vista atletico e tattico. Dopo un inizio difficile la squadra è uscita fuori al meglio mettendo i bianconeri in seria difficoltà.

Leiva ha gestito bene il pallone, con perfetti lanci lunghi e puntuali chiusure in fase di non possesso. È stato bravo Tare, che è riuscito a portarlo nella Capitale. In Europa, dimostrerà ancor di più di saper giocare a calcio. La squadra è stata aggressiva, ci ha creduto e ha messo la Juventus nelle condizioni di non riuscire a portare a casa la Supercoppa.

La Lazio è viva; chiunque scende in campo dà tutto, e quando questo accade, c’è poco da dire.

Luis Alberto, a parer mio, è stato il migliore in campo. Ha fatto tutto quello che c’era da fare. Difendeva e attaccava in base alle occorrenze della squadra. Lo scorso anno aveva trovato poco spazio e potrebbe aver pagato qualcosa a livello d’integrazione; quest’anno è partito con il piede giusto. Inzaghi l’ha schierato perché il calciatore ha dimostrato di esserci sia fisicamente sia, soprattutto, mentalmente.

Domenica all’Olimpico arriva una squadra neopromossa come la Spal; i ricordi della vittoria della Supercoppa devono uscire dalla testa dei giocatori. Gli estensi sono tornati in Serie A dopo tanti anni; per avere la meglio della squadra di Semplici, occorrerà approcciare alla sfida con la stessa mentalità e voglia di domenica scorsa. Per quanto concerne le scelte dei singoli, il tecnico sceglierà l’undici migliore in base alle indicazioni che i giocatori stessi gli daranno nell’arco del lavoro settimanale.

La Spal affronterà questo impegno con l’intento di raccogliere subito qualche punto, resterà molto in fase difensiva e la Lazio dovrà essere brava nel riuscire a colpire al momento opportuno”.

(sslazio.it)

Follow LAZIALITA on Social
0