George Chinaglia parla del padre: “Per lui la Lazio era tutta la vita. I tifosi della Lazio lo amavano”

 

chinaglia-670x274

George Chinaglia, figlio del grande Giorgio, ha parlato ai microfoni di SoFoot.com: “Ho capito molto presto quanto mio padre fosse importante per i tifosi della Lazio, anche lui mi parlava sempre di loro. Quando arrivavamo a Roma, la gente faceva di tutto per parlargli, farsi fare un autografo o almeno toccarlo. Vedere che effetto faceva è stato davvero incredibile. Anche quando è andato a New York non ha mai dimenticato i tifosi biancocelesti. Per lui sono sempre stati importanti, come lui per loro. Da piccolo mi parlava spesso delle sue imprese con la Lazio. Sia di quello che aveva raggiunto con la squadra sia dei suoi traguardi personali. Era molto orgoglioso di aver vinto il primo scudetto della storia del club e, quell’anno, di essere stato il capocannoniere. Se ne vantava tutto il tempo (ride, ndr). Mi ha raccontato tantissimo anche di Maestrelli, di quanto fosse stato importante per lui. Era un padre per mio padre che lo amava e aveva piena fiducia. Per mio padre la Lazio era la sua vita. Ha lavorato molto da giovane per diventare il giocatore e l’uomo che poi è stato. Lo scudetto del 1974 è stato senza dubbio il culmine di tanti anni di lavoro e sacrifici. Come mi ha sempre detto: non avrebbe potuto chiedere di meglio. Se seguiva la Lazio anche dall’America? A quel tempo era molto complicato, visto che le partite italiane non venivano trasmesse in televisione se non raramente. L’unica soluzione era di vederle con qualche amico italiano, anche si trattava sempre di repliche del giorno prima. Mi ricordo che quando la Lazio giocava e lui era negli Stati Uniti stava 90’ al telefono con i suoi amici di Roma per chiedere cosa facesse la Lazio. Sono diversi gli ex compagni che ci hanno fatto visita nel New Jersey: Pino Wilson, Giancarlo Oddi e Felice Pulici. Mio padre era davvero felice di averli qui, li ha ricevuti come dei re!. Non ricordo molto di mio padre giocatore, ero troppo giovane. Però ricordo quando è diventato presidente della Lazio: a quel tempo andavamo spesso a Roma a vedere le partite dei biancocelesti. I tifosi impazzivano ogni qual volta sbarcavamo all’aeroporto. Era sempre sorprendente vedere quanto amore nutrivano verso mio padre. Toni Malco, l’uomo che ha composto l’inno della Lazio, gli ha dedicato una canzone. Quando l’ha cominciata a cantare davanti tutti gli ex compagni di squadra di mio padre fu molto commovente. Mio papĂ  a stento tratteneva le lacrime. I tifosi della Lazio, in questi anni, mi hanno sempre ripetuto: “Tuo padre è un vanto della nostra storia”. Ognuno mi ricorda quanto mio padre sia stato importante nella storia del club. Queste loro parole mi fanno capire che lo amano e lo hanno amato non solo come giocatore: sono orgogliosi di aver avuto in squadra un uomo come lui. La Lazio ha avuto grandissimi giocatori: penso a Nedved, Nesta, Giordano, Piola e Re Cecconi. Eppure, lui è stato eccezionale. Basta chiedere ai tifosi capitolini: tutti vi diranno che nessuno ha fatto meglio di mio padre. E’ stato unico“.

Follow LAZIALITA on Social
0