Jessica Immobile: “Mercoledì con la Juventus ci abbiamo provato, ma è andata male. Ciro? E’ un marito da 10”

jessicaimmobile

Jessica immobile ieri sera era ospite al programma di Chiambretti “Matrix” insieme a Michela Persico, fidanzata di Daniele Rugani, per raccontare come ha vissuto la finale di Coppa Italia, che ha visto la Lazio uscire sconfitta per 2-0: “Mercoledì ero allo stadio a soffrire. Ci abbiamo provato fino alla fine, ma purtroppo è andata così. Il mio atteggiamento allo stadio? Quando lo insultano in tribuna un po’ mi agito, ma poi mi calmo. Ciro mi dice sempre di non reagire e io seguo i suoi consigli. Dopo la finale c’è tanta tristezza, quando arrivi alla gara decisiva speri di alzare il trofeo. Come l’ho consolato? Io mi sono addormentata subito (ride, ndr). Il primo incontro con Ciro? “Ci siamo conosciuti in un ristorante di un amico a Pescara e da allora non ci siamo più lasciati. Io volevo laurearmi in criminologia, che era la mia passione, ma non credo alle storie a distanza. Anche Ciro la pensa come me e mi ha detto che dovevo andare con lui. Io mi sono fidata, ho lasciato tutto e l’ho seguito. Come marito merita un 10 e come casalingo anche un 11. Il numero di maglia? Io sono nata il 17, ma è stato un caso perché lui già indossava quel numero a Pescara. Era destino che dovesse incontrarmi.” Alla domanda di Chiambretti, noto tifoso del Torino, del perché Ciro è andato via dai granata, Jessica risponde: “Non lo so, diciamo che è top secret. Ciro porterà per sempre nel cuore Torino. È stato un anno e mezzo fantastico anche perché quando stai bene in campo, stai bene anche fuori. Siamo abituati a spostarci e anche le bambine non soffrono il cambiare città. Com’è Ciro? E’ geloso a prescindere e non è contento quando posto le foto o i video mentre mi alleno o in costume. Poi è napoletano e questo accentua un po’ il tutto. Diciamo che lo faccio arrabbiare un po’.”

 

Follow LAZIALITA on Social
0