FORMELLO – Si rivedono i Nazionali, per loro lavoro di scarico. Da domani prove tattiche anti-Sassuolo. E arrivano buone notizie da Lukaku e de Vrij…

 

inzaghi-simone-lazio-settembre-2016

FORMELLO – E’ forse la settimana più difficile della stagione. Prima il Sassuolo in trasferta, poi la Roma in Coppa Italia, poi il Napoli di Sarri all’Olimpico. Simone Inzaghi riabbraccia i Nazionali sul campo del Fersini e invita la squadra a tenere altissima la concentrazione: al Mapei Stadium la Lazio dovrà entrare in campo con un piglio diverso rispetto alla gara del Sant’Elia di Cagliari, e il tecnico piacentino sa che, almeno a livello psicologico, il match contro i neroverdi sarà il più difficile dei prossimi tre: arrivare al derby con una vittoria fuori casa rappresenterebbe una iniezione di fiducia e garantirebbe un po’ di respiro a livello di classifica, con Inter, Atalanta e Milan che sono propotentemente attaccate al treno Europa League e che potrebbero guadagnare altri punti in un turno di campionato che non appare insormontabile per le avversarie dei biancocelesti. I nazionali, come detto, sono rientrati ed effettuano un lavoro di scarico: le prove tattiche andranno in scena nella giornata di domani. Non si allena Marchetti, che a questo punto difficilmente entrerà nell’elenco dei convocati, e anche il derby rischia di diventare un miraggio. Lukaku corre a parte, e cercherà di essere convocato per la sfida agli uomini di Di Francesco. Buone notizie arrivano da de Vrij, che ha lavorato con il pallone, dopo la contusione alla tibia riportata con l’Olanda: il centrale verrà quasi certamente convocato per la partita di sabato, e se nei prossimi due giorni risponderà bene ha anche chances di partire dal 1′: Inzaghi valuterà bene il da farsi, dato che il 4 aprile la stracittadina avrà un peso specifico importante, dunque non è da escludere una staffetta con Wallace, che potrebbe giocare titolare al fianco di Wesley Hoedt, rientrato dopo la prima da titolare in maglia orange ad Amsterdam. In attesa di decifrare per bene le scelte di Inzaghi, sono sicuri del posto Strakosha, Biglia (tornato in anticipo dall’Argentina essendo stato squalificato) e Parolo, che in Tim Cup non ci sarà a causa della squalifica. Probabile comunque che la Lazio si affidi al collaudato 4-3-3, con il solito ballottaggio tra Keita e Lulic. Da domani la squadra comincerà a preparare ogni possibile contromisura: il Sassuolo viene da 4 sconfitte casalinghe consecutive, e vorrà rialzarsi, ecco perchè il mister dei capitolini lavorerà molto sulla testa dei calciatori, per evitare brutte sorprese e mettere un altro mattoncino nella corsa all’Europa.

Follow LAZIALITA on Social
0