Le PAGELLE di Guido De Angelis: “Anderson l’unico a darci speranze, Radu il più lucido tra i difensori. Milinkovic lotta ma sbaglia”


Schermata 2017-01-28 alle 20.28.47

 

ROMA – La Lazio non riesce a vincere contro un avversario dimostratosi inferiore in campo. Il Chievo, arrivato nella Capitale in cerca di punti, riesce ad ottenere il massimo, vincendo al 90esimo minuto, in una partita in cui i padroni di casa creano azioni su azioni senza però capitalizzare. Come di consueto nel post-gara, arrivano le pagelle del nostro direttore, Guido De Angelis.

 

 

STRAKOSHA 5,5 – Sul goal poteva fare di più, il tiro non era irresistibile. Per l’albanese non è certamente la migliore prestazione.

BASTA 5,5 РImpreciso, rallenta il gioco sulla fascia e non sfrutta gli assist filtranti di Anderson (LOMBARDI sv РEntra negli ultimi minuti per cercare il vantaggio, il gol degli avversari ̬ fatale)

DE VRIJ 5,5 – Non bene, anche oggi. L’olandese sembra in flessione, è l’unico che non riesce a essere pericoloso sulle palle alte oggi (proprio all’andata segnò lui in una mischia in area). Lancia lungo senza misure: non è un regista, ma ci si aspetta più lucidità.

HOEDT 5,5 – Il centrale prova a trovare la rete di testa, ma non è preciso in fase di disimpegno, contro un Chievo che non mette mai davvero in difficoltà la difesa.

RADU 7 – L’unico della difesa con le idee chiare. Si propone, sfiora il goal nel primo tempo in occasione di una discesa sulla sinistra (LUIS ALBERTO 5,5 – Inzaghi si affida a lui per sbloccare la partita, ma il suo ingresso non ha spostato nulla).

PAROLO 6 – Ha fatto benino oggi: partita più offensiva che difensiva. Si propone tanto in avanti, sfiora il goal più volte.

BIGLIA 6 – L’argentino mostra qualcosina in più risotto alle altre volte, anche se i ritmi della Lazio non cambiano: rimangono sempre uguali.

MILINKOVIC-SAVIC 6 РHa cercato di lottare molto, e spesso ci ̬ riuscito. Prova a giocare di rabbia, ma sbaglia troppo sotto porta, rendendosi autore di errori poi divenuti pesanti.

FELIPE ANDERSON 7,5 – Il migliore in campo, l’unico a fare la differenza. Si parla tanto del brasiliano, spesso anche con polemiche, ma oggi accende più volte la luce, senza che i compagni riescano a capitalizzare ciò che crea. Mancando la qualità davanti, rimane solo lui a darci speranza. In occasione del tiro a giro in area di rigore è sfortunato.

DJORDJEVIC 5,5 – Si dà da fare all’inizio, poi sparisce durante la gara. È mancato un centravanti nel corso dei 90 minuti (ROSSI 5,5 – Influisce poco).

LULIC 7 – Per l’impegno merita questo voto. Il bosniaco non molla mai, prova anche ad andare da solo verso la porta avversaria, trascinandosi la squadra, quando ormai la partita sembra finita.

 

INZAGHI 6 – Forse è il caso di stare vicino a Simone. Il mister sta raschiando il barile per trovare soluzioni in campo, è un momento in cui tutti lo aspettano al varco. Gli sono vicino, ha fatto quello che poteva. Servirebbe una grande mano dalla società…

Follow LAZIALITA on Social



Vuoi seguire la Lazio in ritiro ad Auronzo di Cadore?

Scopri adesso le offerte riservate ai lettori di Lazialità