Simeone: “Ecco come vinceva la Lazio di Eriksson… Futuro? I giornalisti bravi a creare polemiche, ora penso solo all’Atletico Madrid”

 

lapr1247-kp0g-u1406337215903pc-620x349gazzetta-web_articolo

Alla Lazio ha lasciato un pezzo di cuore, ricevendo in cambio moltissimo affetto e trofei. L’attuale allenatore dell’Atletico Madrid, Diego Pablo Simeone, ha parlato di Lazio e del suo futuro ai microfoni di Bein Sport: “Fin da piccolo ho sempre avuto il desiderio di diventare calciatore, sono stato molto fortunato perché ho avuto tanti bravi allenatori. In Italia ho imparato molto, facendomi in qualche modo influenzare. Ricordo quando alla Lazio c’era Eriksson, lui giocava in base alle caratteristiche dei giocatori che aveva a disposizione, che a quel tempo erano molto forti. A centrocampo avevamo gente come Mihajlovic e Veron ma lui voleva che, sfruttando la velocità di Salas, Boksic o Nedved, appena presa palla lanciassimo in profondità. Non era importante che loro tenessero il pallino del gioco, perché sennò rischiavamo di perdere la velocità di esecuzione. Giocando così abbiamo vinto davvero molto“. Sul suo ruolo di centrocampista: “Ho sempre giocato come centrocampista. E’ un ruolo importante visto che partecipa a ogni fase di gioco. A 29/30 anni ho iniziato a fare esercizi individuali, quando ero alla Lazio mi inventai un allenamento specifico. Ma ho sempre cercato di rubare guardando gli altri, solo così si migliora. E’ normale: tutti in qualche modo rubano qualcosa dagli altri.  Ho iniziato il corso di allenatore in Spagna poi sono andato in Argentina. Ho sempre avuto il desiderio di avere un squadra che possa trasmettere le emozioni che provo per questo gioco. Parlo molto dei loro corpi. Quando vedi una partita ti accorgi subito uno è attivo o passivo in campo“. Ha concluso parlando del suo futuro: “La vita è fatta di momenti e adesso per me è il momento dell’Atletico Madrid. Inter? I giornalisti sono abili a creare polemiche, bisogna abituarsi. In Italia hanno chiesto a mia sorella e a mio figlio se un giorno allenerò l’Inter e loro hanno risposto di sì, che in futuro potrebbe succedere. Adesso tutti dicono che potrei andare via fra un anno e mezzo e molta gente pensa che sia così e invece potrei anche rinnovare, oppure da qualche parte sta scritto che non è possibile?“.

Follow LAZIALITA on Social
0