Lazio-Inter, Candreva ancora una volta in prima linea per il sociale

unknown

E’ bastato un suo gol per regalare i tre punti all’Inter nella trasferta di Sassuolo: Antonio Candreva √® tornato ad essere un trascinatore al servizio, neanche a dirlo, di Stefano Pioli.
Mercoledì giocheranno entrambi contro il proprio passato: per il centrocampista soprattutto non sarà affatto una gara come le altre. A Roma, oltre ai 5 anni con la maglia biancoceleste con cui ha collezionato 192 presenze e 45 gol, Candreva ha lasciato e continuerà a lasciare il proprio cuore.

Aldil√† di¬†quello¬†calcistico, infatti, il giocatore¬†nerazzurro √® da sempre impegnato, sia a Roma che nel resto d’Italia, nel mondo della solidariet√† in collaborazione con il cugino Gianluca Santoni (noto investigatore privato, anch’egli sempre¬†in prima linea per quanto riguarda la beneficenza).¬†Tramite proprio la figura di quest’ultimo e sfruttando l’importanza mediatica che un calciatore come Candreva √® in grado di riscuotere, i due cugini hanno realizzato molte¬†iniziative a scopo benefico. La pi√Ļ recente, in occasione dell’imminente Natale, in aiuto all’AISM (Associazione Italiana Sclerosi Multipla), prevede una riffa natalizia il cui incasso sar√† devoluto all’associazione e dove in palio sono stati messi gli scarpini del numero 87 nerazzurro, indossati nella partita contro la Roma.

Come gi√† detto, numerose sono state le iniziative alle quali il calciatore e suo cugino hanno aderito e collaborato. Marted√¨ 17 dicembre, gli scarpini autografati di Candreva sono stati messi all’asta come premio per un’asta benefica (La Bottega di Karlotta e Gianluca Santoni) per Flavio e Francesco, i due gemelli¬†amici di Lazialit√† affetti dal morbo di Batten.

Il 2 novembre scorso, presso l’AVO (Associazione Volontari Ospedalieri) di Fiumicino, maglia, pallone di Serie A e scarpini autografati sono stati usati come premi per¬†un’altra pesca benefica, cosi come in altre occasioni (Lotteria “Noi, Amici di Dario, organizzata dall’Annunziatella Calcio).

Il 15 novembre 2015, Candreva (all’epoca alla Lazio) and√≤ a trovare in ospedale Chiara Insidioso, appassionata tifosa biancoceleste e sua grande fan. Nello stesso anno, fu testimonial di un’azione benefica promossa dall’Atac:¬†la sua foto apparve sui biglietti in sostegno alla¬†Fondazione Onlus Casa di Ibrahima, alla quale fu devolto il ricavato.

Le iniziative sono state tante: Antonio ha saputo dimostrare, e continuer√† a farlo, come dai¬†suoi scarpini possano nascere assist ben pi√Ļ importanti di quelli che √® abituato a fare sul campo da calcio.

Follow LAZIALITA on Social
0