Cribari a Lazialità: “Il derby è la partita più importante, non puoi deludere i tifosi. La Chapecoense una perdita irreparabile”

img-20161130-wa0003

È la settimana del derby. Forse la settimana più importante a Roma. In ogni angolo della città si parla di calcio, ma solo di derby e a pochi importa se lo stesso giorno si gioca Barcellona-Real Madrid o si vota per il referendum costituzionale. C’è anche spazio per chi, il derby, l’ha giocato, vinto e difficilmente potrà dimenticarlo, Emilson Cribari che gentile come sempre si è concesso ai microfoni di Lazialità:

Dopo l’avventura con i Rangers, ha intrapreso una nuova strada, ci parla della C25?

La C25 nasce da una mia volonta di aiutare i giovani usando il calcio come motivazione per togliere ragazzi dalle strade e dai brutti vizi, sognando un giorno di diventare un calciatore professionista. Stiamo creando un modello di scuola calcio con regole intorno ai valori veri di questo sport e apriremmo piano piano scuole calcio C25 in giro per il Brasile usando come specchio il lavoro fatto da Zico, uno dei miei eroi, con la sua CFZ ( Centro de futebol Zico ) che fa un lavoro come quello che sto iniziando a fare, da tanti anni qui in Brasile!

Domenica torna il derby, lei come li ha vissuti?

Il derby è la partita più importante per chi veste le maglie di Lazio e Roma, io l’ho giocata ben 5 volte da titolare con due vittorie, due pareggi e una sconfitta e mi ricordo i dettagli di ognuna di queste! È una partita nel quale riuscivo a mettere in campo tutta la mia passione e voglia di rappresentare al meglio i tifosi Laziali perche ero consapevole di quanto importante sia per loro e non puoi deluderli!

Il 10 dicembre 2006, in un derby vinto 3-0 lei ha sfiorato il gol. La sua carriera sarebbe cambiata?

Parlavo proprio oggi con un mio assistente di quel calcio d’angolo calciato da Oddo. Carriera cambiata non credo, ma se quel colpo di testa fosse entrato, oggi sarebbe ancora più grande il legame che ho con la Lazio e tantissimi tifosi che ancora oggi mi scrivono messaggi d’affetto.
Qual è stato l’avversario più difficile da affrontare?

Parlando di Derby sicuramente Vucinic, se penso ai miei anni in Serie A ho affrontato tantissimi campioni e se faccio 3 nomi penso a Shevchenko, Ibrahimovic e Adriano dei tempi di Parma e Inter..

Come si vince il derby?

Non potrei rispondere a questa domanda in altra maniera se non come ci diceva mister Delio Rossi ai tempi: “il derby si vince con la testa fredda e il cuore caldo”.
La difesa sembra essere diventata solida: merito degli arrivi di Bastos e Wallace o del ritorno di deVrij?

Penso che tutti i tre sono difensori di alto livello insieme ad una organizzazione tattica difensiva fatta bene come Inzaghi sta facendo, i risultati si vedono..

La Serie A dedicherà un minuto di silenzio ed il lutto al braccio per la tragedia della Chapecoense.

Il piu grande disastro della storia del calcio brasiliano, ha scosso il mondo. La Chapecoense mi ricordava molto il Chievo dell’ inizio 2000 allenato da Del Neri, societa piccola e ben organizzata che stava creando grosse difficolta alle grandi e raggiungendo ottimi risultati. La tragedia ha ucciso il sogno di famiglie, tifosi e calciatori in fase di lancio nella loro carriera, una perdita irreparabile!

Un abbraccio forte e sempre Forza Lazio!

Edoardo Brecciaroli

Follow LAZIALITA on Social
0