Di Natale: “Gli attaccanti della Lazio possono fare la differenza sabato. Immobile una seconda punta, Anderson fuori ruolo”

antonio-di-natale-udinese_l1c62pw0juqm1x7gc775tmmsm

Una bandiera del calcio italiano degli ultimi 15 anni: dal 1999 al 2016, 55 reti con la maglia dell’Empoli e 227 con quella dell’Udinese. Stiamo parlando di Antonio Di Natale, simbolo della squadra friulana, intervenuto ieri ai microfoni di Radio Incontro Olympia per parlare del match in programma sabato al Friuli: “La Lazio è una grandissima squadra, davanti ha giocatori che possono fare la differenza. I risultati, aldilà della prestazione, aiutano a prepararsi meglio durante la settimana. Il Friuli è un campo tosto: l’Udinese ha ringiovanito parecchio la rosa, contro la Lazio non potranno permettersi di sbagliare nulla. Prevedo un bel match, spero vinca il migliore“.
Di Natale ha poi fatto un’analisi su diversi membri della rosa biancoceleste, partendo dal terzino e suo ex compagno di squadra, Dusan Basta: “Dusan grandissimo terzino di spinta, peccato ogni tanto incappi in qualche problema fisico… Felipe Anderson? Penso giochi in un ruolo sbagliato: nell’uno contro uno è micidiale. Lui ha il dovere di impegnarsi, ma dove gioca adesso mi sembra fuori ruolo. Keita? Se prende coscienza dei propri mezzi tecnici, può spaccare le partite come già sta facendo. Immobile? In Serie A, uno come lui fa la differenza. Tuttavia, lo vedo più come seconda punta che come prima. Milinkovic? Penso sia bravo negli inserimenti, ne parlano tutti bene… Cataldi? Si sta dimostrando un elemento di valore. Sostituire Biglia non sarà facile, ma lui è un giovane, la Serie A ha bisogno di giovani…

Follow LAZIALITA on Social
0