“Uniti per la pace”: presenti Biglia, Cataldi e Murgia. Biglia: “Dobbiamo sfruttare la nostra visibilità per fare del bene” – FOTO

whatsapp-image-2016-09-09-at-13-53-54
“È un desiderio forte del Papa che ha convocato questi atleti per trasmettere il messaggio di pace, la quale va costruita ogni giorno. Gli atleti devono essere esempio di virtù”
. Così ha esordito il vicepres. Scholas, Monsignor Sanchez Orondo in merito all’evento promosso dal Vaticano che andrà in scena il prossimo 12 Ottobre allo Stadio Olimpico e in diretta su Rai 1, alle ore 21. Presenti in Vaticano quest’oggi tre giocatori della Lazio, Biglia, Cataldi e Murgia, oltre a tre giocatori della Roma, quali Perotti, Iturbe e Paredes. Prima di lasciare la parola ai giocatori, è intervenuto anche il Pres. Scholas, José Maria del Corral: “Il Papa è molto legato allo Sport e al calcio, ma non solo per quanto riguarda la passione per la maglia. Attraverso il calcio si può diffondere meglio il messaggio di pace”. In Italia, questo evento sosterrà  la popolazione di Amatrice, colpita dal terremoto del 24 Agosto scorso, oltre a sostenere i programmi educativi e sociali di Fondazione Scholas Occurrentes, CSI (Centro Sportivo Italiano), UNITALSI e AMLIB. Poi la parola passa ai calciatori, partendo da Diego Perotti: “Dobbiamo sfruttare il calcio, che rappresenta per tutti uno sport modello. Questo match sarà più importante di quelli che si giocano la domenica. La pace è una cosa che si può raggiungere unendoci, noi calciatori con i tifosi. Invitiamo tutti a prenderne parte.”. Interviene Biglia, capitano della Lazio: “Vorremmo vedere uno stadio pieno. Noi calciatori, ogni domenica, godiamo di grande visibilità: dobbiamo sfruttarla per fare del bene. Dobbiamo dare una mano a queste fondazioni e questi bambini che hanno bisogno di aiuto e sostegno”.

whatsapp-image-2016-09-09-at-13-54-32

whatsapp-image-2016-09-09-at-14-05-22

whatsapp-image-2016-09-09-at-14-26-51

 

Follow LAZIALITA on Social
0