Stefano Petrucci (sindaco Accumoli) a ‘Quelli che’: “Asciugate le lacrime bisogna ripartire. Tutti insieme usciremo da questo momento”

Stefano-Petrucci-sindaco-di-Accumoli

Intervenuto in diretta telefonica durante la trasmissione ‘Quelli che hanno portato il calcio a Roma’ in onda su¬†Radiosei, il sindaco di Accumoli,¬†Stefano Petrucci, ha ¬†voluto raccontare la sua testimonianza riguardo la tragedia che ha colpito il centro Italia con il terremoto del 24 agosto:¬†“Siamo 680 residenti, stabili poco pi√Ļ di 500, siamo una piccola comunit√†. In estate il numero di abitantisi quadruplica con oltre¬†2500 persone e quindi possiamo arrivare anche a 4000. Io alle 3.38 della notte del 24 agosto dormivo con mia moglie e miei figli di 9 e 11 anni e prima che saltasse l’energia elettrica ho preso il telefono e ho dato l’allarme in Prefettura. Eravamo in pigiama e non potevamo uscire ma per fortuna ci siamo salvati. E’ crollata la casa davanti a noi e poi ci siamo resi conto che stava crollando¬†tutto. Siamo andati a buttare gi√Ļ le porte con gente incastrata che urlava, tutto ovviamente al buio perch√© oltre che essere notte era saltata la luce, perci√≤ con le torce dei telefoni ce la siamo cavata. Ci siamo resi conto delle vittime soltanto dopo. Sono sindaco dal 2004, sono al terzo mandato stavamo per raccogliere i frutti del lavoro di oltre dieci anni, i lavori erano quasi finiti. La mancanza di strutture pu√≤ essere colmata, quella delle vite umane no. Asciugate le lacrime, da buoni montanari con la caparbiet√† che abbiamo stiamo ripartendo a 300 all’ora. E’ un territorio che amiamo e vogliamo vivere al massimo.”¬†Poi sui tanti attestati di solidariet√† dall’Italia e non solo:¬†“Stiamo ricevendo solidariet√† dal mondo intero. Ci chiamano dagli Stati Uniti, dalla¬†Svizzera e da tanti altri Paesi.¬†Ho apprezzato tantissimo i gesti degli italiani,¬†tra donazioni di qualsiasi genere e aiuti concreti. Ci fa tanto felici e questa √® un’ulteriore dimostrazione di quanto sia unita l’Italia soprattutto nelle emergenze. Mi √® dispiaciuto soltanto che la stampa abbia dovuto per forza cercare un colpevole e mettere in secondo piano la grave perdita di vite umane. E’ enoso che ci sia sempre un modo per destabilizzare l’ambiente in queste circostanze. In Italia poi ci vuole sempre tanto per fare processi. Noi da parte nostra abbiamo messo sul sito di Accumoli ¬†tutte le informazioni disponibili per donazioni in denaro, perch√© quelle di beni di prima necessit√† e di volontari ne abbiamo abbastanza.”¬†Infine una battuta sulla sua fede laziale e una promessa per il futuro:¬†“Sono laziale da sempre e tutta la mia famiglia √® abbonata allo stadio. Lo scorso anno siamo riusciti anche ad avere Olympia nel nostro piccolo borgo. A noi piace tanto soffrire e Bergamo lo dimostra:¬†quando vinciamo 3-0 rischiamo di pareggiare. Anche la mia popolazione in questo momento sta soffrendo e io io ho il dovere di far risalire la china alla gente. Devo trasmettere la mia forza e la mia positivit√† ai cittadini in questo momento: tutti insieme riusciremo ad uscire da questo momento e a ripartire”

 

 

Follow LAZIALITA on Social
0