Guido De Angelis: “Tare e Lotito di nuovo in confusione, altro che svolta. Campagna acquisti in ritardo di un anno, l’improvvisazione regna sovrana”

Guido-Nuova-11-1

 

Mancano pochi giorni alla partenza del campionato, e il nostro direttore Guido De Angelis ha voluto fare il punto della situazione in casa Lazio attraverso il suo editoriale, che tocca più punti: dall’organizzazione della squadra, al mercato portato avanti dalla società, passando per ulteriori emergenze.
La campagna acquisti della Lazio non suscita entusiasmo, è evidente. Paradossalmente, un comportamento del genere sul mercato sarebbe stato ideale per lo scorso anno, quando ai biancocelesti servivano due centrali difensivi, un rinforzo come terzino, un centrocampista vice-Biglia e una punta. I cinque acquisti fin qui portati a termine arrivano colpevolmente con un anno di ritardo, quasi non sapendo che più che puntellare, in casa Lazio si dovrebbe proprio ricostruire. I nuovi nomi non hanno scaldato lo spirito dei tifosi: al ds Igli Tare era stato chiesto di portare quantomeno profili di carattere, ideali per lottare almeno per la sesta posizione in classifica, cosa che non sembra accaduta.
L’opera di mercato laziale non è però terminata: dopo aver sistemato la difesa con gli acquisti di Lukaku, Wallace e Bastos, sperando che possano bastare e dare un contributo importante (sarà davvero così?), il reparto che versa in emergenza è ora l’attacco.
I dubbi lì davanti sono tanti e le sensazioni non sono delle migliori: il primo compito è quello di sostituire Antonio Candreva – il miglior giocatore della Lazio negli ultimi 10 anni, andato via per appena 22 milioni (operazione non esaltante, chissà in quanti anni verrà versata questa cifra) – e non solo. C’è da valutare, infatti, la permanenza di Keita, che non ha mostrato certo una buona disposizione verso un proseguimento di rapporti con la Lazio: dovesse mancare anche lui, come farà la squadra a sostenere Immobile (finalmente un buon centravanti)? Senza poi contare l’altro mal di pancia, quello di Anderson, che qualche giorno fa ha dichiarato ai cronisti «Non si sa mai» in riferimento a un’eventuale cessione.
Tare e Lotito dovranno risolvere la situazione come al solito, ovvero improvvisando.
Caro Tare, come si possono spendere 8 milioni di euro (cifra poi da verificare), così scrivono i giornali, per un calciatore di 21 anni, Wallace, che a quanto pare è un doppione di Hoedt? Mi auguro di sbagliare, ma questo portato a termine dal direttore sportivo sarebbe l’ennesimo acquisto irrazionale, modalità per cui si spendono tanti soldi per ragazzi non pronti.
Inoltre si è venuta a verificare una condizione che, fortunatamente, alla Lazio difficilmente avveniva negli ultimi anni (vedere Hernanes e Candreva, per citare alcuni esempi) e che purtroppo ora si ripresenta: Tare, ai biancocelesti manca estro e fantasia. Balotelli e Cassano sono ancora in giro, liberi; so che potrebbero non bastare, ma darebbero sicuramente una botta di vita nel grigiore di questa società che ogni anno ricostruisce improvvisando”.

 

Follow LAZIALITA on Social
0