Liste Serie A, tra rose da 25 calciatori e mercato: la situazione della Lazio

23/09/2015, LAZIO-GENOA (SERIE A) NELLA FOTO : LA LAZIO ESULTA DOPO IL GOL DEL 1-0 DI DJORDJEVIC (Foto Bartoletti)

La stagione che sta per cominciare¬†segner√† una svolta per il campionato italiano. Almeno questo √® l’intento della FIGC e della riforma approvata nel novembre 2014 dal Consiglio Federale capeggiato dal presidente Carlo Tavecchio. Una sorta di decreto “salva Italia” per il calcio nostrano, che ha come obiettivo¬†la¬†valorizzazione di¬†giocatori¬†formati calcisticamente nei club italiani. Rose a numero chiuso di 25 calciatori con almeno¬†4 di essi formati nel vivaio di un club italiano e altri 4 nel vivaio del club per cui sono tesserati. Un giocatore, per potersi considerare¬†“formato in Italia”, deve aver trascorso, tra i 15 e i 21 anni, almeno 3 anni, anche non consecutivi, o comunque 3 stagioni sportive, in uno o pi√Ļ club italiani; si considera¬†“formato nel club” invece il calciatore che¬†ha trascorsolo lo stesso periodo nella societ√† di attuale appartenenza. Nell’elenco dei 25 calciatori non sono considerati gli under 21, ovvero i giocatori nati dopo il 31 dicembre 1995. Le squadre di Serie A potranno attingere a questi ultimi senza alcuna restrizione.¬†Qualora le societ√† non disponessero del numero minimo di “calciatori formati in Italia o nel club”, potranno consegnare rose numericamente ridotte.¬†Per esempio, se una societ√† ha soltanto 2 giocatori “formati nel club” o “formati in Italia” consegner√† una lista da 23 giocatori anzich√© 25. Se una societ√† ha invece 6 giocatori “formati nel club” o “formati in Italia” potr√† iscrivere, oltre ai 4 richiesti dal regolamento, gli altri 2 calciatori nella lista “Over 21” generica, da massimo 17 giocatori.

La riforma, gi√† parzialmente in vigore dall’anno scorso (nella stagione 2015/16, considerata di transizione, invece dei 4+4 potevano essere inseriti 8 “calciatori formati in Italia”),¬†diventer√† completamente attiva a partire dalla stagione che sta per cominciare, anzi che √® gi√† cominciata visto le inevitabili conseguenze che le nuove norme hanno¬†sul calciomercato. La situazione della Lazio, al momento, √® la seguente:

Giocatori iscrivibili: 24; giocatori in rosa: 22

Giocatori formati nel vivaio del club (3/4): Danilo Cataldi, Ogenyi Onazi, Antonio Rozzi;

Giocatori formati nel vivaio nazionale (4/4): Federico Marchetti, Antonio Candreva, Marco Parolo, Ciro Immobile;

Altri Over 21 (15/17):¬†Etrit Berisha, Ivan Vargic, Stefan De Vrij, Wesley Hoedt, Mauricio, Stefan Radu, Dusan Basta, Patric, Lucas Biglia, Senad Lulic, Ravel Morrison, Felipe Anderson, Filip Djordjevic, ¬†Jordan Lukaku, Wallace (senza considerare i partenti o “separati in casa”¬†Milan Bisevac,¬†Vinicius,¬†Ronaldo Pompeu da Silva, Alvaro Gonzalez e¬†Brayan Perea);

Under 21 (illimitati): Franjo Prce, Thomas Strakosha, Joseph Minala, Alessandro Murgia, Christopher Ikonomidis, Sergej Milinkovic-Savic, Keita Baldé, Ricardo Kishna, Cristiano Lombardi, Mamadou Tounkara.

La Lazio pu√≤ contare quindi su un buon serbatoio di under 21 costituito tra gli altri da Milinkovic, Kishna e Keita. Ovviamente la situazione legata all’esterno senegalese andr√† seguita con attenzione vista la sua volont√† di essere ceduto. Stesso discorso per Candreva, ormai promesso sposo dell’Inter. Poi ci sono Marchetti, Onazi e Rozzi che non sono ancora certi della permanenza in biancoceleste. Insomma, a poche settimane dalla consegna della lista (20 agosto, salvo modifiche possibili entro le 24 ore successive all’ultimo giorno di mercato), la situazione in casa Lazio non √® ancora chiara.

 

Follow LAZIALITA on Social
0