Lotito ammette: “Dopo 12 anni giusta una ristrutturazione. Fino ad oggi curati più gli aspetti strutturali che quelli emozionali”

 

claudio-lotito-660x350

 

Una campagna abbonamenti partita in sordina, quasi nascosta. Un rapporto con i tifosi ormai deterioratosi da anni. Un rifiuto, quello di Bielsa, che si è tramutato in una brutta figura a livello nazionale ed internazionale. C’era e forse c’è bisogno di una rivoluzione nella Lazio attuale: bisogno di voltare pagina e sperare che vengano tempi migliori. A Formello, in occasione della conferenza stampa di presentazione del nuovo Club Manager biancoceleste Angelo Peruzzi, il presidente Claudio Lotito si è reso protagonista di un piccolo passo indietro, segno che, forse, qualcosa potrebbe davvero cambiare a breve.

 

Nell’introdurre l’ex portiere biancoceleste, Lotito ha prima di tutto ringraziato i giornalisti presenti: “Buongiorno a tutti, grazie di essere qui. Ci tenevo in prima persona a presentare Angelo Peruzzi, credo sia un apporto fondamentale alla società“. Poi c’è stato anche spazio per una sorta di ‘ammissione di colpe’: “Dopo 12 anni era giusto che la Lazio e il sottoscritto si ponessero il problema di ristrutturarsi con persone della personalità giusta per ricoprire un certo ruolo. Non ci ho messo 9 anni per pensarci, l’iniziativa parte poi solamente dal sottoscritto; tra di noi abbiamo avuto un buon rapporto sempre, lui ha fatto scelte di vita sane, per disintossicarsi giustamente da questo mondo”. Il patron della Lazio ha proseguito elogiando il nuovo dirigente ed illustrandone il ruolo: “Le sue qualità, il suo carattere saranno utili per questa società per incrementare delle aree fondamentali e raggiungere certi risultati sportivi. C’è il ruolo di fare il raccordo all’interno e di immagine all’esterno”, prima di addentrarsi nel passaggio forse più interessante ed ‘innovativo’ della mattinata biancoceleste: “Ha lasciato la Lazio in una certa maniera, la ritrova dal punto di vista emozionale negativo, perché ammetto che abbiamo curato più gli aspetti sostanziali e strutturali che quelli emozionali “. Un’ammissione non da poco, che fa presagire un cambio di rotta, al fine di curare gli aspetti ‘emozionali’, spesso tralasciati o relegati in secondo piano dalla dirigenza. Infine, Lotito ha chiuso: “Vengono profusi tanti sforzi giornalmente; ringrazio i presenti e Angelo per l’apporto che ci darà“. Nuovo ringraziamento per gli organi di stampa, e un augurio ad Angelo Peruzzi. Nella speranza, condivisa da tutti i tifosi della Lazio, che la squadra possa giovare dei recenti cambiamenti ancora in atto, e che possa tornare, il prima possibile, il sereno.

Follow LAZIALITA on Social
0