Mauri, Braafheid, Konko e non solo: oggi l’ultimo giorno di Lazio

PicsArt (5)Era il 15 maggio 2016, all’Olimpico si giocava Lazio-Fiorentina, giornata conclusiva di un campionato sciagurato, chiuso con l’ennesima sconfitta (2-4 per i Viola) e con la voglia di dimenticare in fretta l’intera stagione. Era solo un mese e mezzo fa, e Miro Klose, dopo cinque lunghi anni, salutava dal campo il suo pubblico durante la sua ultima gara in biancoceleste. Un addio già da tempo preventivato e programmato, ufficiale però solo a partire da oggi: 30 giugno 2016, scade il contratto di Miroslav Klose…e non solo, perché a far compagnia al campione del mondo, che non ha rinnovato il proprio contratto, ci sono altri quattro calciatori che concludono oggi le rispettive avventure: si tratta di Stefano Mauri, Alessandro Matri, Edson Braafheid, Abodulay Konko.
Stefano Mauri, l’addio arriva a 36 anni, dopo dieci stagioni vissute nella Capitale: un rapporto intenso, fortificato nel tempo grazie a innumerevoli vicissitudini (talvolta anche negative), un capitano capace di conquistare la fiducia di tutti gli allenatori incontrati, un’intelligenza tattica messa a disposizione della squadra. Poi i saluti dello scorso anno, salvo poi siglare ancora un contratto di dodici mesi. Che, tuttavia, non saranno ricordati come i migliori: qualche problema fisico, una condizione non ottimale ne hanno compromesso il rendimento, non concedendogli la giusta continuità (solo 12 presenze in campionato, con un solo gol). Ora, all’alba di un nuovo ciclo che non lo vede protagonista, sembrano scorrere davvero i titoli di coda.

Alessandro Matri, 31 anni, una sola stagione in biancoceleste, acquistato in extremis dal Milan nel mercato estivo per sopperire all’assenza dell’infortunato Klose. E parte bene l’attaccante lombardo, con una doppietta all’esordio con l’Udinese. Non riuscirà tuttavia a conquistare una maglia da titolare, complice la continua alternanza che l’ex tecnico Pioli effettuava in avanti. A fine campionato, durante il quale è stato fermato da alcuni infortuni, i gol segnati saranno solo 4 (2 in Europa League): pochi per poter definire soddisfacente l’esperienza capitolina. Il futuro di Matri, che tornerà momentaneamente nel club rossonero, è quindi tutto da scoprire.

Edson Braafheid, svincolato dopo due stagioni alla Lazio. In effetti, la dicitura potrebbe sembrare forzata, perché l’olandese ha collezionato quest’anno solo 5 presenze in Serie A che, se sommate a quelle dello scorso campionato (16), raggiungono un totale di 21 apparizioni. Anche nel suo caso, la forma fisica e le scelte tecniche lo hanno visto relegato ai margini del progetto tecnico: a 33 anni, il terzino conclude la sua esperienza laziale: per lui, così come per altri, non ci sarà posto nella Lazio del ‘Loco’ Bielsa.

Abdoulay Konko, l’unico il cui rinnovo contrattuale sembrava possibile, saluta la Roma biancazzurra dopo 5 anni, al termine di un’ultima stagione vissuta da protagonista a metà (18 le presenze collezionate), prima che l’ennesimo infortunio lo costringesse ai box. Proprio gli infortuni hanno rappresentato il limite maggiore per il terzino francese, che non ha mai potuto garantire alla Lazio una presenza continua sul terreno di gioco. Libero di accasarsi in altri club, potrebbe prendere la via della Milano rossonera.

Quel 15 maggio ha quindi sancito la fine della storia, più o meno lunga, di ben cinque giocatori. Chissà se, nel corso del calciomercato, non vadano ad aggiungersi nuovi capitoli nel libro degli addii.

 

Laura Massa

Follow LAZIALITA on Social
0