Albania, De Biasi si racconta: “L’Europeo un miracolo, Berisha il calciatore che mi ha colpito di più”

 

gianni-de-biasi-albania_1jt7wgf82hdor1dz3vbaeghfcy

 

Tempo di esordio all’Europeo per l’Albania di Gianni De Biasi, vera e propria cenerentola del girone della Francia. Il tecnico italiano si è raccontato ai microfoni di El Pais, celebrando l’impresa della propria Nazionale: “Nel calcio esistono i miracoli e c’è sempre la chance di fare qualcosa che per gli altri è impossibile, quel che conta è lavorare sulla testa dei calciatori. Ho conosciuto piano piano la mentalità del popolo albanese e poi è partita una ristrutturazione: molti giocatori avevano la doppia nazionalità e convincerli a giocare per noi è stata dura. Molti di loro li ho trovati tramite Internet, poi li abbian visionati mediante video e siamo andati a cercarli in giro per il mondo: ho fatto oltre 70 viaggi, pensate che Berisha giocava in un piccolo villaggio di pescatori in Svezia. E’ quello che mi ha colpito di più, quando ha debuttato contro l’Iran nel 2012 sapevo che aveva delle qualità importanti ma non immaginavo ne avesse così tante. Prima del match gli chiesi se era pronto per giocare e poi in campo lui rispose parando l’impensabile. Hysaj invece è il calciatore che è cresciuto più rapidamente, ha un grande talento“. Infine una battuta sul fatto che molti dei giocatori parlino bene l’italiano: “E’ vero, la maggior parte di noi parla italiano, ma Lorik Cana aiuta tutti gli altri, perché parla ben 5 lingue!”.

Follow LAZIALITA on Social
0